USA: segnali allarmanti per la sicurezza ICT

Sicurezza

Risultanti preoccupanti emergono dall’analisi online Safety Study curata da America Online e dalla National Cyber Security Alliance

NEW YORK. Gli utenti americani che si connettono alla rete da casa sottovalutano la questione sicurezza e trascurano lo stato di salute dei pc che utilizzano. È quanto emerge dall’analisi online Safety Study curata da America Online e dalla National Cyber Security Alliance. La ricerca, condotta tramite interviste ad oltre 300 utenti adulti con connessione a banda larga e dial-up durante i mesi di settembre e ottobre 2004, ha coinvolto più di 22 grandi città e una dozzina di stati o aree metropolitane sul territorio americano. Alle dichiarazioni rilasciate ai ricercatori, sono seguiti sopralluoghi sulle macchine per verificare la congruenza o meno con quanto affermato dagli intervistati e i risultati hanno causato un certo sconcerto. I ricercatori infatti hanno verificato che, nonostante le affermazioni di condotta razionale e sicura rilasciate dal 77% degli utenti, i 2/3 delle macchine non presenta dispositivi particolari di sicurezza, tipo firewall, o si affida a sistemi antivirus obsoleti e non aggiornati, quindi inefficaci. In aggiunta le verifiche dei ricercatori hanno scoperto che su circa l’80% dei pc esaminati si nascondono, all’insaputa degli utenti, dozzine di programmi spyware in grado di raccogliere e trasmettere informazioni quali uso della tastiera, abitudini di navigazione del Web, password, indirizzi e-mail e altro. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore