Vajont.info ritorna online

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Sentenza del TAR: il sistema SPID deve aprire alle PMI

È stato accolto il ricordo di Assoprovider: dissequestrato il sito Vajont.info, oscurato per diffamazione

Finalmente torna visibile Vajont.info, il sito sequestrato per diffamazione. Epurato della “metafora” sui parlamentari cilipoti e Paniz, il sito Vajont.info di Tiziano Del Farra può tornare online, grazie al ricorso, vinto, dei responsabili di Assoprovider-Confcommercio i. Il GIP di Belluno aveva ordinato a 226 provider il blocco dell’accesso al sito vajont.info accusato di diffamazione da due onorevoli. Il sito si occupa della tragedia del Vajont, avvenuta mezzo secolo fa con due mila morti, un disastro annunciato, in cui vennero insabbiate le inchieste. Ma il disastro del Vajont (raccontato con maestria dal compianto Giorgio Bocca), finito nelle maglie della censura, ora è stato dissequestrato.  L’amministrazione del sito è stato condannato per diffamazione: dovrà purtroppo pagare una multa (900 euro) e un risarcimento danni salato pari a 10 mila euro. Assoprovider è tuttavia soddisfatto perché è stato “giudicato eccessivo il provvedimento originale in considerazione del fatto che, nella sua formulazione originale, esso colpiva in maniera indiscriminata una serie di siti e relativi contenuti, che nulla avevano a che fare con il fatto contestato“.

Il tribunale di Belluno, in seguito al ricorso di Assoprovider, ha ritenuto illegittimo il sequestro preventivo del sito e il blocco all’accesso. Spiega l’avvocato ed esperto di Internet, Fulvio Sarzana di S. Ippolito: “Il blocco degli accessi per gli utenti italiani adottato attraverso il  sequestro degli IP e dei DNS a carico dei provider italiani, in caso di presunta diffamazione, deve ritenersi eccessivo rispetto al bene giuridico da tutelare”. Il sequestro deve riguardare solo su una o più frasi offensive e l’oscuramento deve essere l’ultima “ratio”, e “solo nel caso in cui le  frasi  non siano  state nel frattempo cancellate“. Una sentenza, dunque, importante, a tutela dell’articolo 21 della Costituzione italiana, a favore della libertà del pensiero, di libertà di espressione e di stampa.

Vajont.info dissequestrato
Vajont.info dissequestrato
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore