Vent’anni di carcere al cracker autistico Albert Gonzalez

CyberwarMarketingSicurezza

La pirateria è costata cara al cracker, affetto da sindrome di Asperger: 20 anni di prigione ad Albert Gonzalez. Dipendente dal computer e tossico-dipendente

È stato condannato a 20 anni di carcere il cracker Albert Gonzalez, accusato di aver gestito uno dei più grandi giri di pirateria, colpevole del furto di oltre 40 milioni di numeri di carte di pagamento da negozi come TJX Cos, Wholesale Club e Barnes & Noble.

Gonzalez rischiava fino a 25 anni di carcere, ma il tribunale gli ha “scontato” qualche anno per indulgenza della corte. Il cracker è stato dipendente dai computer sin dall’infanzia, ha abusato di alcol e droghe illegali per anni e soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo.

A Boston, Gonzalez ha ammesso che i cyber-crimini sono finiti fuori controllo a causa della sua “incapacità a fermare la curiosità e la dipendenza”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore