Veritas per il mondo Linux

Aziende

Tra le novità presentate da Veritas nel corso di LinuxWorld, la funzionalità Portable Data Container di Veritas Storage Foundation che
consente ai clienti la migrazione dei dati da e verso Linux nel giro di pochi minuti

Veritas Software non ha mai fatto scelte di bandiera, le sue soluzioni per lo storage e la business continuity si sono sempre caratterizzate per l’indipendenza dalle piattaforme software e hardware implementate nei sistemi informativi aziendali e quindi non è certo una novità la sua disponibilità di prodotti per il mondo Linux. Da quando il sistema operativo open source ha consolidato la propria presenza, Veritas ha sviluppato le versioni Linux delle proprie soluzioni, risale infatti al 1999 il software Veritas NetBackup per Linux e al 2001 quella della Veritas Foundation Suite. La presenza della software house americana a LinuxWorld, tenutosi a Milano la settimana scora, ha dunque confermato l’impegno in questa direzione con l’ampliamento dell’offerta di soluzioni certificate su Red Hat Enterprise Linux con le versioni 4.0 di Veritas Storage Foundation, Veritas Storage Foundation per Oracle Rac, Veritas Storage Foundation Cluster File System, Veritas Cluster Server con l’opzione Global Cluster e Veritas Volume Replicator. In particolare il software Veritas Storage Foundation include una importante innovazione, denominata Portable Data Container, che consente ai clienti la migrazione dei dati da e verso Linux nel giro di pochi minuti. Veritas ha inoltre annunciato che il software Veritas i³ 7.0 estenderà a Linux la gestione delle prestazioni applicative end-to-end. “Linux si sta rapidamente diffondendo all’interno delle aziende, man mano che i clienti ricercano nuovi modi per trarre vantaggio della tecnologia open-source a basso costo. Parallelamente , l’It subisce pressioni costanti affinché siano abbattuti i costi dell’infrastruttura e di gestione, ma vengano nel contempo sviluppate e fornite applicazioni in grado di produrre risultati per l’azienda”, ha dichiarato Mark Bregman, executive vice president, product operations, di Veritas. “Con questi ultimi rilasci per la piattaforma Linux, Veritas aiuta gli It manager a beneficiare appieno dei vantaggi di Linux in termini di costi, e concentrare i propri sforzi nello sviluppo applicativo e nel processo di allineamento dell’IT alle mutevoli esigenze del business”. L’azienda ha inoltre annunciato la propria adesione all’Open Source Development Labs (Osdl), all’interno del quale sarà membro attivo del gruppo di lavoro dedicato ai Data Center.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore