Video 4K, come collegare il pc ai display Ultra HD per avere la massima risoluzione

AccessoriWorkspace
0 0 Non ci sono commenti

Come essere sicuri di poter sfruttare la risoluzione 4K su un nuovo display, quando il pc che si possiede non è proprio l’ultima novità del momento

La diffusione di soluzioni per la riproduzione, la modifica e la riproduzione dei video 4K pone alcuni quesiti e impone alcuni requisiti di base, ai quali, strano ma vero, gli stessi produttori di display si rivelano abbastanza insensibili. Capita infatti molto spesso di acquistare un display con risoluzione 4K e di scoprire per esempio che nella confezione siano sì sempre inclusi i cavi VGA-DVI e magari anche un Hdmi, ma non sia mai compreso il cavo Display Port, che comunque rappresenta, al momento la soluzione più immediata, semplice, e sicura, per collegare un computer desktop a un display 4K, quasi da lasciarci dire che se il vostro pc ha l’uscita display port e il vostro display pure, non dovete pensare ad altro.

Cavo Display Port

Come è possibile sapere però se il proprio computer, utilizzato con un display all’altezza, offrirà la visualizzazione desiderata e cioè proprio gli agognati 3840×2160 pixel (4K o Ultra HD – anche se non sono proprio la stessa cosa)? Vediamo.

Teniamo come riferimento anche il mondo dei giochi, in questo modo il nostro set di soluzioni non solo si adatterà al lavoro di ufficio con il confort dell’Ultra HD, ma anche al divertimento. Consigliamo innanzitutto un processore Intel Core basato su Haswell (4th generazione), con grafica Intel Iris 5100, oppure grafica Intel HD dalla serie 4200 in su, per giocare come si deve opteremmo per le soluzioni di grafica discreta GeForce GTX dalla 650 Ti a crescere, oppure AMD Radeon dalla HD 7000 a salire.

Con questa dotazione e un cavo High Speed Hdmi (anche di tipo Ethernet), dovremmo esserci, così come possiamo affermare che da Hdmi 1.4a in su si dovrebbe poter lavorare tranquillamente. Un cavo Hdmi standard, oppure anche quelli con Ethernet integrato o i cosiddetti Hdmi Standard Automotive (che non supportano il canale Ethernet), non supportano nemmeno il 4K. Perché diciamo che ‘dovremmo’ esserci? Perché se anche solo un tassello hardware non ha i requisiti a posto, niente visualizzazione 4K, e questo lo diciamo soprattutto a chi possiede laptop o computer datati.

Cavo Hdmi 2.0
Cavo Hdmi 2.0

Un’altro dei limiti cui prestare attenzione è legato al fatto in tanti casi ancora oggi, display 4K offrono questa risoluzione con la frequenza di refresh ottimale di 60 Hz solo se connessi alle Display Port (per questo abbiamo segnalato proprio la Display Port come interfaccia ‘rassicurante’); e un’ Hdmi standard in questi casi non basta in nessun caso senza degradare l’immagine, mentre invece si può avere la visualizzazione a 60 Hz in tranquillità con Hdmi 2.0.

Nessun problema per i Mac con Thunderbolt e Minidisplay port, anche in questo caso non ci si deve preoccupare di nulla. Inoltre segnaliamo che si vanno diffondendo, soprattutto per un utilizzo con il televisore i cavi Hdmi che effettuano internamente l’upscaling alla risoluzione Ultra HD (ma fino a 30fps nella maggior parte dei casi). In questo caso sono cavi da alimentare e per questo prevedono l’utilizzo anche di una presa USB supplementare.

Siete esperti sulle tecnologie dei display? Mettetevi alla prova, rispondete al nostro quiz

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore