VIDEO: Mac OS X Lion

ManagementSistemi OperativiWorkspace

Tante migliorie che segnano la maturità di un sistema evoluto che ora è nella piena maturità. Mac OS Lion X è l’inizio della transizione decisa per integrare universo mobile e computer da tavolo, ma senza rivoluzioni

Mac OS X ha più di dieci anni. Ora è il tempo di Lion, il più recente sistema operativo di Apple. Se si ripercorrono le tappe di sviluppo dei Mac OS degli ultimi tempi – quelle che portavano nomi di felini, per intenderci, da Tiger in poi – forse il salto più netto si è percepito nel passaggio da Leopard a Snow Leopard, che ha segnato la piena maturità della piattaforma.

Lion è un sistema che, al di là della maestosità del felino, chiude praticamente un ciclo, annunciando la trasformazione dell’OS di Apple verso un sistema di integrazione tra le piattaforme.

Applicazioni come Launchpad, che richiamano così evidentemente l’organizzazione delle Apps già presenti sui dispositivi mobile, sono abbastanza indicative dell’intento di fare trovare l’utente a casa propria (si parli di OS, come di iOS) tanto da far sparire la cartella delle Applicazioni sul Dock in basso e da assimilare il sistema di gestione degli applicativi installati anche grazie alla soluzione App Store. Se si deve cercare qualcosa di innovativo ci è piaciuto più di tutto AirDrop, un sistema finalmente efficace per scambiarsi i file tra possessori Mac, che relega  Bluetooth allo scambio dati solo con altre piattaforme, o al collegamento delle periferiche e fa dimenticare la chiavetta USB.

Tutti i video su Mac OS X Lion: VersionsResumeMission ControlLaunchPad e App StoreAirDrop

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore