VIDEO PILLOLE Apple iPhone OS 4: I limiti del multitasking

ManagementMobile AppMobility

Il multitasking del nuovo OS 4 presenta tanti vantaggi, ma anche qualche limite, ecco il video

Per sfruttare il multitasking basta fare doppio clic sul pulsante alla base del display. In questo modo si vedono le applicazioni già aperte e senza che esse consumino batteria e memoria si può riprendere a utilizzarle. Gli utenti devono cambiare le proprie abitudini, ma se anche sbagliando lanciano di nuovo un’applicazione che è già aperta poco cambia. Tuttavia qualche limite il multitasking di Apple iPhone OS 4 ce l’ha. Per esempio il sistema per chiudere le applicazioni non è proprio comodo, bisogna comunque andare a cercare quelle aperte, tenere premuta la relativa icona e poi premere nell’angolo in alto a sinistra il segno meno. Inoltre il multitasking richiede lavoro in più agli sviluppatori che devono implementare nelle proprie applicazioni, a secondo dell’utilizzo, almeno una di queste API: Background Audio, Background VoIP, Background Location, Local Notification, Notifiche Push, Task Completion, Fast app switching. Una delle applicazioni preinstallate, quella per visualizzare i video di YouTube – per esempio – potrebbe illudere gli utenti che una volta lanciata l’applicazione sia possibile ‘congelarla’, fare altro, e poi riaccedervi per gustarsi il video che intanto si sarebbe dovuto caricare, senza tempi di attesa. Nulla di più sbagliato. Se volete guardare un video di YouTube perché si carichi completamente dovete tenere aperta e in primo piano l’applicazione. Se non procedete così, una volta che la riporterete in primo piano vi accorgerete che in background il video non si è caricato, ma il buffer è rimasto proprio come l’avevate lasciato. La prova in video.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore