VIDEO PROVA: Asus M930

MobilityWorkspace

Fuori sembra un semplice candybar 3G, ma una volta aperto svela la tastiera qwerty e un display da 2,6 pollici. Wi-Fi, Bluetooth e Hsdpa i punti di forza di questo smartphone che funziona con Windows Mobile 6 standard

Ci sono smartphone che puntano tutto su interfacce accattivanti e touchscreen. Questo modello di Asus, mostrato per la prima volta al Mobile World Congress 2008 di Barcellona, sembra voler andare controcorrente. Niente display sensibili al tocco, ma un form factor all’altezza, adeguato a un utilizzo professionale. Si tratta di un cellulare 3G equipaggiato con Windows Mobile 6 Standard, processore TI OMAP 2431 a 450 MHz con 256 MB di memoria Flash e 64 MB di Sdram, espandibili tramite schedine micro SD. Da candybar, infatti, M930, si trasforma in clamshell e svela una tastiera qwerty con i tasti disposti su quattro file, in modo da non costringere a cercare i simboli e caratteri di utilizzo più frequente, spesso accessibili solo dietro strane combinazioni di caratteri. Per i dati tecnici, la dotazione completa (hardware e software), la descrizione e tutti i rilievi rimandiamo alla PROVA VIDEO in questa stessa pagina.

I tasti sono estremamente ravvicinati e questo può portare qualche difficoltà in più nella digitazione, a noi è capitato inoltre di dover riavviare il device per un fastidioso rallentamento durante l’inserimento dei testi (fenomeno registrato in due occasioni, con un paio di applicazioni attive), ma non è indifferente il vantaggio della doppia possibilità di utilizzo: sia come normale cellulare, sia come mini-computer grazie al pieno supporto per le comunicazioni senza fili. Niente da dire poi sulla qualità della ricezione audio e dati. Non abbiamo riscontrato il minimo problema, anche grazie al software di autoconfigurazione con i parametri degli operatori italiani. Anzi, durante le telefonate si può apprezzare il buon livello del volume audio, tanti pda-phone cadono proprio su questo punto.

Segnaliamo come punti di forza l’estrema praticità del form factor, il supporto pieno per tutte le tipologie di reti senza fili, il doppio display. Da migliorare invece l’integrazione tra hardware e software (anche per i problemi con la tastiera e il rallentamento nell’inserimento dei testi quando si utilizza come clamshell), e l’autonomia della batteria, minima, nel caso di un utilizzo intensivo del Wi-Fi. Il software in dotazione pur non comprendendo la possibilità di generare file Microsoft Office presenta quanto serve sia per visualizzare i file multimediali, sia quelli di Word, Excel e Powerpoint, oltre ovviamente ai Pdf. E’ presente anche un’utility di crittografia.

Asus M930 viene venduto a un prezzo di 419 euro, la confezione contiene anche una custodia da cintura.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore