VIDEO TEST: HP TouchSmart IQ500.it (terza parte)

PCWorkspace

Nella confezione di questo desktop touchscreen non manca nulla, per poter essere operativi subito, anche se non si e’ esperti. L’utilizzo ideale del touchscreen e’ in ambito multimediale, altrimenti tanto vale usare tastiera e mouseGiudizio e contenuto della confezione (video)

Giudizio

Possiamo dirlo subito: in nessun comparto, se non per il touchscreen, TouchSmart IQ500.it dispone dei componenti top di gamma. La capacità di storage non è ai massimi livelli, così come il comparto grafico e quello audio. D’altra parte non si sarebbe potuto equipaggiare un dispositivo di questo tipo con una scheda grafica da gioco, proprio per gli ingombri complessivi. Ma nel complesso la macchina è equilibrata, è un PC per la casa, ma anche di rappresentanza in ufficio ed è in grado di conciliare bene lavoro e tempo libero.

A nostro avviso non deve essere utilizzato come televisore in salotto, anche per la diagonale limitata (però è in arrivo anche il modello da 25 pollici) e la natura della base (che richiede l’inclinazione). Invece nello studio di casa, per la gestione dei contenuti multimediali, la fruizione e la registrazione estemporanea di programmi TV non deluderà, anche grazie alla presenza del telecomando. Una notazione sulla tipologia di prodotto. L’utilizzo del touchscreen ha senso proprio con il software TouchSmart, perché nel caso di utilizzo dell’all-in-one come computer, riteniamo che il sistema più comodo sia ancora l’abbinata mouse e tastiera. La strada per i touchscreen in ambito desktop è aperta, il segmento sarà però decisamente più maturo dopo l’arrivo di Windows 7.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore