VIDEO TEST: Htc Desire Z

Mobile OsMobilityWorkspace

Una via di mezzo. In estrema sintesi questo è Htc Desire Z, una via di mezzo tra uno smartphone touchscreen e uno più tradizionale a tastiera. Desire Z infatti presenta una qwerty a comparsa in aggiunta a un display touch capacitivo da 3,7 pollici. Sistema operativo Android 2.2 (Froyo) e processore da 800 MHz per un prezzo di 549 euro

Appena qualche giorno fa vi avevamo proposto la recensione di HTC Desire HD, uno degli ultimi modelli touchscreen di HTC e tra i primi venduti già con il sistema operativo Android aggiornato alla versione 2.2, nome in codice Froyo. Htc Desire Z ripropone in larga parte le caratteristiche del Desire HD, ma presenta un form factor decisamente diverso: al touchscreen capacitivo da 3,7 pollici abbina una tastiera qwerty a comparsa con tasti disposti su quattro file e ben distanziati tra loro. E’ questa la differenza maggiore rispetto al Desire HD.

Passiamo dunque in rassegna rapidamente le caratteristiche hardware più importanti prima di soffermarci sull’esperienza d’uso: come detto siamo di fronte a un touchscreen capacitivo da 3,7 pollici, che si accompagna sulla parte frontale ai quattro classici pulsanti a sfioramento per tornare alla pagina iniziale del telefono, accedere al menu, tornare indietro di una schermata ed effettuare una ricerca. Un trackpad facilita la navigazione all’interno dei menu nel caso non si volesse sfruttare il display.

Sul profilo destro il pulsante di avvio della fotocamera e di scatto: dalla parte opposta un pulsante a due vie per la regolazione del volume e la porta microUsb per ricaricare la batteria. Sopra troviamo il pulsante di accensione/spegnimento e l’ingresso per gli auricolari. Il processore non è il top di gamma con 800 MHz e la memoria interna è di 1,5 GB estendibile attraverso schede microSD.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore