VIDEO TEST: Htc Radar

MobilityWorkspace

Htc Radar è il primo smartphone equipaggiato con Windows Phone 7.5 Mango che riusciamo a testare a fondo, nel tempo. Le nostre impressioni e il nostro giudizio su smartphone e sistema operativo

Ci sono e ci saranno smartphone con Windows Phone per tutti i portafogli, e noi proviamo uno dei primi sul mercato con preinstallato Windows Phone 7.5 Mango. E’ Htc Radar (C110E) e si colloca perfettamente nel segmento di mercato medio-alto. E’ infatti disponibile per l’acquisto a partire da un prezzo di circa 380 euro. Htc Radar è uno smartphone con batteria integrata, un unico processore con frequenza di clock da 1 GHz, 512 Mbyte di Ram per il funzionamento di sistema operativo e applicazioni e solo 8 Gbyte di memoria interna, senza possibilità di espansione.
Poco male, tanto più se siete abituati a utilizzare i servizi cloud, perché anche se non è uno smartphone con un gran quantitativo di memoria per lo storage, ha il giusto quantitativo di Ram, ma manca del doppio processore, la reattività di funzionamento di Htc Radar è lo stesso ottima.


Caratteristiche e rilievi
Il display da 3,8 pollici con risoluzione 480×800 è eccellente, e non fa rimpiangere né diagonali maggiori, né risoluzioni ancora più spinte, presenta invece un sensore di luminosità che svolge il suo lavoro bene sia in piena luce, sia quando la luce è insufficiente. Nel complesso è ottima anche la fattura complessiva, con una scocca unica di metallo e un semplice sportellino in plastica, che va va fatto slittare solo per inserire o estrarre la SIM. Lo smartphone, form factor a tavoletta, pesa circa 140 grammi, è alto 12 cm e largo 6 per uno spessore di 1 centimetro: formato e pesi sono ben bilanciati, basta una mano e si arriva a fare tutto. Htc Radar si gestisce tramite i tre tasti standard a sfioramento, come tutti i Windows Phone, e sono poi presenti sul profilo destro il tasto di controllo volume, e il pulsante per la fotocamera, che funziona con un sensore da 5 Megapixel ed è dotata di flash e illuminatore. Si possono eseguire videoriprese in HD (720p), ed è possibile effettuare videochiamate, grazie alla presenza della videocamera frontale aggiuntiva. Il touchscreen è pressoché perfetto per reattività e sensibilità, così ne è agevolato l’utilizzo della tastiera, con i tasti decisamente stretti, in stile Windows Phone.

Htc Radar è uno smartphone di fascia media, funziona con Windows Phone 7.5. Lo storage è limitato a 8 Gbyte di memoria

Alcuni limiti in base alla nostra esperienza sul campo si possono evidenziare nelle prestazioni audio, ma non tanto nel chipset, tanto che con le cuffie l’esperienza è ottima, quanto negli altoparlanti, che deludono, e di questo bisogna tenerne conto quando ci si aspetta una suoneria telefonica potente in ambienti rumorosi. Non dimenticate poi che Windows Phone è avido di risorse. Non è per nulla scontato arrivare alla fine della giornata di lavoro senza dover ricaricare la batteria. Anzi, basta attivare un po’ il Gps e usare Bluetooth e la posta in modo intenso per trovarsi in difficoltà, nessun miglioramento abbiamo notato da questo punto di vista. Le connettività WiFi, Bluetooth 2.1 e Hspa offrono prestazioni soddisfacenti, senza rilievi di sorta.

L’esperienza d’uso con Windows Phone 7.5
Le impressioni sul funzionamento di Htc Radar, nella vita di tutti i giorni, sono fortemente determinate dal software Microsoft. E non sono impressioni negative.
La configurazione iniziale fila liscia senza difficoltà, ed è possibile impostare tutte le tipologie di account di posta e per il social networking senza brutte sorprese, sono tutti ben integrati tra loro, con le persone nei Contatti e le Attività dell’utente stesso che restano sempre al centro dell’esperienza. In Italia vengono riconosciuti i parametri degli operatori senza intervento da parte dell’utente. In fase di configurazione abbiamo solo rilevato la mancanza dell’indicazione precisa della porta dei server di posta in uscita, quando l’autenticazione richiesta è diversa da quella per il server in entrata (una caratteristica usata in azienda) e inoltre notiamo che una volta impostato il vostro Windows Live ID principale, per modificarlo dovrete comunque formattare lo smartphone (Apple iOS 5 resta avanti da questo punto di vista), non c’è altra possibilità. Apprezzabili le funzioni di ricerca: precise veloci e sempre contestualizzate. Bing è il motore di ricerca predefinito e obbligato.


Grazie a Windows Phone, Htc Radar effettua scansioni ottiche di QR e codici grazie a Bing Vision, e ricerca i titoli di brani musicali riprodotti (senza dover installare Shazam, con Bing Audio); l’esperienza di navigazione con Explorer è più che buona, in questo caso a nostro avviso migliore anche di quella con Safari. Nel tempo si imparano a utilizzare bene anche i comandi vocali per effettuare telefonate, farsi leggere testi e SMS, oppure dettarli grazie al software di riconoscimento vocale. L’integrazione delle informazioni è ben pensata e soddisfacente, così come quella del sistema delle applicazioni cloud con le vostre. E poi finalmente arrivano anche per Windows Phone app valide. Tutta da migliorare invece la funzione di collegamento tra diverse caselle di posta elettronica. E’ possibile, ma con limitazioni poi sulla visualizzazione della casella di riferimento cui sono stati inviati i messaggi. Ultima nota: bisogna avere una vista buona, perché a seconda delle applicazioni Microsoft, i caratteri così come sono visualizzati possono rendere difficoltosa la lettura. Pensiamo agli appuntamenti a calendario visualizzati su un’unica pagina, per esempio.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore