VIDEO TEST: Htc Touch Hd

MobilityWorkspace

Touch screen perfezionato e Touch Flo 3D finalmente fluido. Questo Pda-phone Hsdpa con Gps e fotocamera da 5 Megapixel è il vero anti-iPhone

La prima impressione, dopo aver utilizzato in modo intensivo Htc Touch Hd, è che i modelli precedenti Diamond e Touch Pro fossero solo poco più che esperimenti. Touch Hd offre decisamente, e da subito, un’altra esperienza e dà l’impressione di poter aspirare davvero al ruolo di anti iPhone. Vediamo le caratteristiche nel dettaglio.

touchhdprima.png

Sottile, anche se non leggerissimo: Touch HD si candida a essere un pdaphone di riferimento

Htc Touch HD (siglato anche T8282) è mosso da un processore Qualcomm MSM 7201A a 528 MHz, funziona con Windows Mobile 6.1 Pro e utilizza 512 Mbyte di ROM con 288 Mbyte di RAM. Per l’archiviazione l’utente ha disponibili 321,30 Mbyte espandibili grazie alla schedina microSD da ben 8 Gbyte, compresa nella confezione.

E’ supportata la connettività di rete Hsdpa in frequenza di banda 900 e 2.100 MHz. Il terminale funziona ovviamente come quadband GSM/GPRS/EDGE tra 850 e 1.900 MHz. Htc Hd T8282 è in grado di sfruttare le reti Bluetooth 2.0 EDR e WiFi b/g.

Il form factor di questo device è quello dei classici pdaphone. Le dimensioni non sono ridotte (115×62,8x12mm) e il peso di 150 grammi circa non ne fa un campione della categoria. Basta però accenderlo per apprezzare l’ampio touchscreen da 3,8 pollici di diagonale con la risoluzione di 480×800 pixel. E in questo caso non abbiamo riscontrato nessuna brutta sorpresa. Touch Hd è dotato di fotocamera da 5 Megapixel con autofocus e di una fotocamera secondaria, per le videochiamate. Completa la dotazione hardware il ricevitore Gps (con supporto A-Gps).

La disposizione di tasti e comandi è stata rinnovata, rispetto a quella classica che prevede un jogshuttle centrale.

Il terminale non ha tasti in rilievo nella parte frontale, ma sono visibili in basso solo quattro icone. Da sinistra a destra servono per aprire una conversazione (o accedere alla funzione assegnata, se si tiene premuta a lungo il simbolo della cornetta), tornare alla schermata principale (tasto Home), o alla schermata precedente (tasto Freccia), e l’ultimo a destra serve per chiudere la conversazione o la schermata visualizzata.

touchhdpresacuffie.png

Sul bordo superiore la presa standard mini-jack è una bella novità per un prodotto Htc

Sul profilo superiore trovano spazio un tasto sottile e allungato per l’accensione e, a sinistra, la presa per il jack audio da 3,5mm. E’ un’importante novità quest’ultima perché Htc Touch HD supera uno dei limiti storici di tanti suoi terminali e c onsente ora di collegare il dispositivo al PC o al caricatore per la presa della corrente senza rinunciare a utilizzare gli auricolari. E così si può anche ascoltare la radio FM mentre si lavora. Sul profilo sinistro c’è il tasto per il controllo del volume e su quello sinistro, in basso, solo una lieve sporgenza per estrarre lo stilo. Il profilo inferiore ospita il connettore mini USB 2.0 a 11 pin, con connettore standard. Esternamente non è presente il tasto per il software Reset, si può ovviare utilizzando la funzione applicativa . Per usare il tasto invece bisogna togliere il coperchio che protegge il comparto della batteria (ai polimeri di litio, capacità da 1.350 mAh) e premere il minuscolo pulsante rosso, collocato tra l’alloggiamento della SIM e quello per la schedina microSD.

touchhdmusic.png

La confezione contiene una microSD da 8 GByte, più che sufficienti per caricare la musica che si vuole. Touch HD rimane inferiore all’iPhone per quanto riguarda il software G-Sensor. Ruotando orientamento dello schermo solo con poche applicazioni cambia la disposizione

La dotazione software

Il software è praticamente identico a quello in dotazione su Htc Touch Pro. Oltre a quello di serie di Windows Mobile 6.1 Pro (compreso Microsoft Office), rileviamo JetCet Print 5 per registrare una stampante di rete o Bluetooth e procedere all’invio dei file, senza bisogno di collegare il dispositivo a un computer, e WorldCard Mobile per catturare i dati dei biglietti da visita. L’hub per i Feed RSS, la radio FM, il software per utilizzare il ricevitore radio FM integrato, YouTube, Google Maps e il sistema Gps Rapido per accorciare i tempi nella determinazione della propria posizione, sfruttando una connessione Internet.

touchhddorso.png

Htc Touch HD: ecco come si presenta il comparto batteria, SIM, scheda microSD

Mentre non è assolutamente criticabile l’aspetto estetico, Htc Touch HD potrebbe offrire di più per quanto riguarda qualità dei materiali: almeno per il dorso (che comunque offre un buon grip essendo lievemente gommato) si sarebbe potuti ricorrere all’utilizzo del metallo come altri device business di qualità (merita ancora una volta una menzione Nokia E71). Certo a scapito ancora di più del peso, ma a vantaggio della robustezza. Qualità a cui non si può rinunciare quando si affronta la spesa di 600 euro, un prezzo tutto sommato equilibrato, se confrontato anche solo con quello di Htc Touch Pro che abbiamo visto nei negozi disponibile anche a 200 euro in più.

L’utente che sceglie Htc Touch Hd deve rinunciare alla tastiera fisica, ma guadagna in versione ‘touch’ un tastierino telefonico, la Qwerty compatta e quella completa, il riconoscitore di scrittura elaborato e naturale e la tastiera di Windows Mobile (quest’ultima sì indimenticabile, ma in senso negativo, la utilizzerete solo con lo stilo). Imparare a fare a meno di un jog shuttle richiede solo qualche ora di utilizzo intenso, non sentirete minimamente la mancanza di un mouse ottico integrato. Le tastiere a disposizione quindi non deludono, Htc ha fatto un buon lavoro di ottimizzazione, in parte agevolato anche dall’ampiezza del display che riduce non di poco le possibilità di errore. Nel complesso le tastiere digitali presenti, per la prima volta ci hanno fatto dimenticare che esiste l’iPhone. Far scorrere foto, file e schermate con il semplice movimento delle dita non è più una pena. Nel caso delle foto è possibile anche zoomare muovendo un dito sul dettaglio e seguendo una traiettoria circolare. Non c’è un pulsante di scatto hardware, ma è sul display, dove vicino al bordo compare un’icona. Anche le diverse impostazioni possono essere personalizzate dal touchscreen. Il tempo di ritardo dello scatto è fastidioso.

Meno bene il sistema G-Sensor. Non è possibile ruotare lo schermo a piacere, ma solo con determinate applicazioni e in determinate situazioni. In pratica G-Sensor serve solo per la calibrazione, Htc Touch Hd ruoterà quando si naviga con Opera e durante la visualizzazione di foto e video, ma non in altri casi, come si è abituati quando per esempio si utilizza Touch Pro e si estrae la tastiera.

Nell’interazione non danno particolare soddisfazione nemmeno gli altoparlanti esterni, che al massimo volume distorcono il suono.

Questi in estrema sintesi i limiti più evidenti perché per il resto invece Htc Touch Hd non pone limiti. Anche l’interfaccia Htc TouchFlo 3D è ora fluida da utilizzare, il sistema è reattivo il feedback del touch gradevole. Per quanto riguarda la durata della batteria, il produttore dichiara una media di circa 400 ore in standby e 390 minuti di conversazione massimi, possiamo confermarla. Utilizzando continuativamente il WiFi però si arriva con difficoltà alla fine della giornata lavorativa. Buona la capacità dell’apparato radio e anche il volume di segnalazione di telefonate o messaggi in arrivo è sufficiente praticamente in ogni condizione di rumorosità nella normale vita urbana. Attenzione però quando riponete Touch Hd nella sua custodia felpata che attutisce non di poco la segnalazione.

Nella confezione da 599 euro potete trovare il dispositivo, una custodia morbida, due CD, di cui uno dedicato alla documentazione completa in PDF e l’altro con la trial di Office Outlook 2007, cavo di connessione con il PC e cuffie con presa minijack, schedina microSD e stickers, oltre a uno stilo di riserva. La documentazione cartacea è limitata alla guida rapida da 42 pagine. Non sono disponibili preinstallati software specifici per la navigazione se non Google Maps.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore