VIDEO TEST: RIM BlackBerry Storm 9500 – parte II

MobilityWorkspace

Seconda parte del video test di BlackBerry Storm 9500: in dettaglio le modalità di interazione con il dispositivo, il touchscreen “cliccabile” e le interfacce per il collegamento agli accessori

Storm 9500 non lesina tasti di comando, in questo senso tiene fede alla filosofia degli altri modelli, prediligendo, nonostante il touchscreen (3,25 pollici con 480×360 pixel, sensore ambientale di luminosità), la certezza per l’utente di trovare subito quello che serve anche a display spento. Sul bordo superiore sono collocati i tasti per l’esclusione delle funzioni audio e a sinistra quello per il blocco del dispositivo.

Non turbano la linea dello smartphone perché in linea con la scocca. Sul profilo destro dall’alto la presa per il minijack, i pulsanti di controllo volume e in basso quello per attivare la fotocamera. Sul profilo sinistro il tasto di controllo per impartire vocalmente i comandi e l’innesto per ricaricare il dispositivo o collegarlo al computer. Non si tratta purtroppo del diffusissimo mini-USB ma di un micro USB “B”. Scelta non felice, considerato che tantissimi terminali RIM avevano saggiamente già adottato lo standard più diffuso. Sotto il display frontale solo quattro tasti per aprire e chiudere le chiamate, quello per aprire il menu BlackBerry e la classica freccia per tornare alla schermata precedente.

La seconda parte della video prova di BlackBerry Storm 9500

VIDEO TEST: Blackberry Storm 9500 – parte III

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore