VIDEO TEST: Sony Ericsson Xperia X1 – parte III

MobilityWorkspace

Dotazione completa quella di Xperia X1. Nella confezione si trova incluso il software con le mappe europee per navigare senza bisogno di acquistare altro. Pregi e difetti del modello di esordio per Sony Ericsson con Windows Mobile

Giudizio

Di Xperia X1 si può apprezzare la robustezza complessiva dello chassis (pur con qualche pecca), la risoluzione del display, una certa reattività, la buona durata delle batterie che non costringono a patemi per arrivare a fine giornata a patto di non esagerare con Gps, WiFi e Hsdpa (massimo 6 ore continuate e l’apparato radio nel suo complesso), il software Gps con cartografia incluso nella confezione. Però di questo device ci sono tante cose che non convincono. La prima certamente è il comparto di pulsanti alla base del touchscreen. Sono scomodi, con il tasto centrale per il puntamento ottico disposto proprio male e decisamente perfezionabile.

Non ci sentiamo di criticare più di tanto la mancanza del software per gestire il sensore di movimento (presente invece sull’Omnia) anche perché è più che sufficiente il cambiamento automatico di orientamento all’apertura della tastiera… Certamente si potevano però integrare più strumenti per la gestione dei file multimediali, di Podcast e Feed. Per esempio, uno dei Panel consente di personalizzare i Feed RSS, ma non permette di importare direttamente un file OPML, invece di doversi trascrivere i Feed che si desidera monitorare. E’ fastidioso dover ricorrere o allo stilo o alle proprie dita per poter chiudere le applicazioni con il pulsante in alto a destra arroccato all’intersezione dei bordi del display. Quella di poter chiudere le applicazioni velocemente con un tasto sul touchscreen in evidenza e’ un’esigenza diffusa ancora rimasta insoddisfatta da tanti produttori di smartphone.

Nel complesso il prezzo superiore ai 600 euro è giustificabile solo considerato anche il costo del software Garmin e della dotazione della confezione che comprende diverse guide illustrate, auricolari/microfono, cavo di collegamento con il PC, caricabatterie per la rete elettrica con innesto USB, Cd di documentazione che comprende anche WayFinder. Il Cd in realtà è stato assemblato in modo non corretto e così bisogna esplorare manualmente le cartelle fino a trovare il software in quella dei Manuali d’uso. Se si lascia avviare l’interfaccia grafica non si riuscirà a installare questo software. Compresi nella confezione inoltre scheda microSD Kingston da ben 2 Gbyte e stilo di riserva. Manca una custodia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore