VIDEO TEST: Sony Vaio Serie P VGN-P19VN

LaptopMobilityWorkspace

Il formato ultraportatile lo fa assomigliare a un netbook, ma funziona con Windows Vista ed è disponibile a partire da mille euro. Sony interpreta in modo originale il portatile da viaggio e lo propone nell’innovativo formato brossure. Qualità ed eleganza i segni distintivi

Sony Vaio Serie P è uno dei subnotebook più originali che abbiamo provato. E’ mosso dal processore Intel Atom CPU Z530 a 1,60 GHz con 2 Gbyte di RAM

(DDR2-533), una tipologia di Cpu pensata per gli ultraportatili (netbook), ma in grado di far funzionare anche Windows Vista Business, il sistema operativo che abbiamo trovato preinstallato.

Le dimensioni fanno somigliare il Sony Vaio P a un quaderno formato brossure: 24,5x12x1,9 cm con un peso di poco superiore ai 600 grammi. Il display è a cristalli liquidi UWXGA (1600×768) con una diagonale da 8 pollici, finitura lucida, ottima luminosità. La risoluzione massima è 1.600×768, bisogna avere una vista buona, ma almeno si possono vedere anche le finestre ampie per intero. Inutile dire che questi dati qualificano immediatamente i Vaio serie P ( sono più di uno e disponibili in diverse configurazioni ) come strumenti da viaggio, non potranno mai sostituire la comodità di un vero notebook, ma le qualità intrinseche ne fanno un’ottima soluzione per email, relazioni, e per il lavoro di ufficio, ma anche per il divertimento grazie all’interfaccia Xross Media Bar che non richiede l’avvio di Windows Vista. A patto di aprire il portafoglio. Il prezzo della configurazione base è di 1.000 euro, ma il modello da noi provato è a listino a 1.449 euro, una differenza evidente per il disco SSD da 128 Gbyte.

Sony ha compiuto un grande sforzo per dotare questo Vaio serie P di tutto quello che occorre in poco spazio: in alto a destra sul display è collocata la Webcam da appena 0,3 Megapixel. Sul profilo anteriore, in poco meno di un centimetro di profondità, sono stati disposti i pulsanti tasto dx e sin, due sistemi di controllo, l’accensione a slitta dell’apparato WiFi e quello per avviare il computer con anche i led di stato di carica della batteria e indicazione di lavoro del disco fisso. Inoltre, in slot separati, sono presenti anche il lettore di memorie SD e quello di Memory Stick (compatibile con Duo Size, Memory Stick PRO). A destra trovano spazio una presa USB (Hi-Speed) e un altro connettore per una minidock in dotazione cui si possono allacciare un cavo Ethernet e un monitor VGA esterno.

sonyvaio9_docking.png

Grazie a questa ‘minidock’ è possibile collegare al vaio Serie P il monitor esterno e la presa ethernet, incastrando il trasformatore per ridurre gli ingombri

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore