VIDEO: Toshiba Portégé Z830

LaptopMobilityWorkspace

Toshiba, arrivata tardi nel mondo dei tablet, si esprime bene invece con il suo ultrabook Portégé Z830, ed è tra i primi vendor a proporre questo nuovo form factor.  Portégé Z830 si differenzia per la tastiera retroilluminata e la porta USB 3.0

Toshiba, secondo gli ultimi dati Gartner,  è nella top five tra i vendor Pc negli Usa, va meno bene a livello mondo, ma è indubbio che nel DNA del vendor c’è la capacità di costruire ottimi ultraportatili (basti ricordare il mitico e oramai storico Portégé R600) e, ora che è arrivato il momento degli ultrabook,  la prima volta di Toshiba con Portégé Z830 è una buona prima volta.

Abbiamo potuto usare questo ultrabook solo per pochi giorni e quindi riferiamo anche in video le nostre prime impressioni.

Toshiba Portégé Z830 è un ultrabook con il peso di appena 1,1Kg, per uno spessore massimo di 1,4 cm, ma in molti punti il notebook è sensibilmente più sottile. Lo chassis è in lega di alluminio e magnesio, mentre la base non offre la stessa qualità di materiali. Il display ha una diagonale da 13, 3 pollici. Si tratta di un pannello Wxga con risoluzione 1.366×768 pixel a finitura opaca, quindi una finitura adatta soprattutto per chi lavora, professionale. E’ incernierato sulla base in modo convincente, ma certo la flessibilità è fin eccessiva. Invece si apprezza subito la tastiera retroilluminata e il touchpad con il lettore di impronte digitali, e la possibilità di esclusione. La zona di appoggio è sufficientemente ampia.

Dotazione hardware

Toshiba Portégé Z830 come ci è giunto in prova è dotato di processore Intel Core i5-2557 a 1,70 GHz (sono previste configurazioni Core i3, e anche Core i5 e Core i7), il disco allo stato solido che abbiamo trovato montato ha dimensioni di gran lunga inferiori (64 Gbyte) a quelle che dovrebbero essere standard nel modello in vendita (128 Gbyte), abbiamo poi trovati installati 4 Gbyte di Ram complessivi a 1,3 GHz (saranno espandibili fino a 6 Gbyte, 2 on board e 4 Gbyte supplementari), e il comparto grafico può fare affidamento solo sulla grafica Intel integrata. Per rimuovere la batteria a 8 celle, bisogna necessariamente svitare la base. Nella nostra breve prova, di pochi giorni, possiamo confermare l’autonomia complessiva superiore alle 7 ore in un normale utilizzo in ufficio con il WiFi attivo (in video riportiamo il dato offerto dal produttore). La batteria  occupa quasi la metà dello spazio disponibile.

Toshiba Portégé Z830, in evidenza sul retro le porte disponibili

 

Il notebook funziona con Windows Home Premium a 64 bit che si avvia (da spento fino all’effettiva completa operatività) in circa 30 secondi. Riteniamo che High Speed Start, con il boot in 15 secondi, come comunicato dal costruttore, sia un risultato ottenibile solo in precise condizioni d’uso. Per quanto riguarda le interfacce sono disponibili: due prese USB 2.0 (di cui una pronta ad alimentare i device anche a computer spento) e una presa Ethernet, con connettore VGA, presa per l’alimentazione  (sul retro) e presa Hdmi. Sul profilo sinistro si trovano la doppia presa per microfono e cuffie e quella per leggere le schedine di memoria SD. Sul profilo destro un’utilissima, quanto gradita presa USB 3.0, vero plus.

Toshiba Portégé Z830 sarà disponibile in diverse configurazioni, il prezzo orientativo è a partire da circa 800 euro. Oltre agli ultrabook Acer, Asus con Zenbook e Lenovo (ma non in Italia), il concorrente più valido di questo ultrabook resta MacBook Air, nella stessa fascia di prezzo.

 

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore