Virus: ricordate Le Carré?

firewallSicurezza

Si chiama Agent l’ultimo virus conosciuto. Per ora attacca solamente la
versione in russo di Windows 2000. Già pronte le contromisure.

Una volta erano le spie, a venire dal freddo. Oggi sono i virus informatici. L’ultimo, ironia della sorte, si chiama Agent. I cacciatori di virus presumono sia stato inventato in Russia, perché attacca solamente le versioni russe di Windows 2000 con Internet Explorer versioni 5.0 e 5.5. Però temono che in breve imparerà anche altre lingue e potrà infettare le versioni di Windows usate in altri paesi. Il virus appare tra i messaggi di posta elettronica come un innocente file Bmp, spedito da un mittente dal nome casuale. Se si apre il file, il virus penetra nel computer ed effettua una connessione con server, pare, situati in paesi arabi che, a loro volta, installano nello sventurato computer uno spyware chiamato Throd. Ed è proprio questo spyware che permette agli ideatori del virus di copiare gli indirizzi della posta elettronica del computer infettato, e comunque di lasciarlo indifeso contro altri attacchi. In pratica, il sistema infettato si trasforma in un proxy server, da usare all’insaputa del proprietario per compiere azioni illegali. Come in tutte le storie di spie che si rispettino, i “buoni” hanno già preso le contromisure. I più importanti produttori di antivirus hanno elaborato software in grado di neutralizzarlo. Gli aggiornamenti dei programmi di sicurezza sono a disposizione e scaricabili dalla rete. Resta comunque valida la vecchia regola: se ricevete un file da un mittente sconosciuto, diffidate e non apritelo. Insomma, mai accettare caramelle dagli sconosciuti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore