Vittorio Colao, Ceo di Vodafone, invoca l’Antitrust per Google e Yahoo!

Workspace
Vittorio Colao di Vodafone

Vittorio Colao, Ceo di Vodafone, parla a 360 gradi di telefonia mobile: dalla questione della concorrenza alla Net neutrality, fino al fenomeno degli App store

Vittorio Colao, Ceo di Vodafone, ha chiesto l ‘intervento delle authority per mettere i paletti all’eccessivo “potere” di Google. Vodafone invoca l’Antitrust Usa e Ue per monitorare Google.

Colao chiede ai regolatori di mettere sotto la lente non solo Google, ma anche Yahoo! e tutti coloro che dominano parti dell’ecosistema mobile.

Se il 70-80% di un mercato è dominato da pochissimi attori, è il casoche l’Antitrust guardi a questi player.

Invece il mercato wireless, secondo il Ceo di Vodafone, è molto competitivo: ci sono 3, 4-6 fino a 12 concorrenti. “Abbiamo offerto anche open access ai MVNO(n.d.r.: operatori mobili virtuali), come Virgin Mobile, che è diventata un reale concorrente” ha detto Colao. Sul fisso invece è un altro paio di maniche: le reti devono essere aperte (la Net neutrality è importante. ma deve esserci flessibilità: se un operatore vuole offrire il Voip, non deve poterlo fare meglio di un servizio di telefonia su Internet di terze parti).

Colao ha puntato i riflettori sulla portabilità dei dati personali, come dimostra l’iniziativa dei 24 operatori di Gsma per offrire un “Web app store” a prescindere dal sistema operativo usato.

SeguiMwc2010 su Blog Eventi di NetMediaEurope

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore