Banda larga, Vodafone entra in Metroweb

MarketingNetworkReti e infrastrutture
AgCom e Antitrust: indagine congiunta sullo stato della banda larga in Italia

L’unità italiana di Vodafone è interessata a fare il suo ingresso in Metroweb con una quota del 10%. Per cablare l’Italia in fibra

Dopo Fastweb, arriva Vodafone. Anche l’unità italiana di Vodafone è interessata a fare il suo ingresso in Metroweb, per cablare l’Italia in fibra ottica. Vodafone parte da una quota del 10%. Lo ha confermato l’Ad Paolo Bertoluzzo al Corriere della Sera. “Che ci sia un piano ambizioso che risponda alle esigenze di sviluppo e crescita e quindi punti a cablare le prime 100 città italiane, partendo da Milano, in cinque anni. Un impegno che vale 5 miliardi di euro di investimenti complessivi“, ha detto l’Ad di Vodafone Italia

Anche Fastweb è entrata in Metroweb con una con una quota dell’11,1% (circa 48 milioni di euro) tramite la holding Swisscom Italia. La controllata del fondo infrastrutturale F2i ha il semaforo verde del presidente Franco Bassanini, non a caso anche a capo della CDP. Con l’ok di Telecom Italia, il progetto di Metroweb consiste nell’acquisire nel tempo le municipalizzate (di rete) locali. “Penso a tante piccole Metroweb locali, per esempio in città come Bergamo, Brescia, Genova o Piacenza, dove entreremo in trattativa con le utilities del posto“, ha detto tempo fa Vito Gamberale. “C’è anche tutta la fibra di Iren, la società derivante dalla fusione tra Iride (le municipalizzate di Genova e Torino) e l’emiliana Enìa. Partiremo con un lento shopping. Vorrei riuscire a costituire un paio di società all’anno. Sarebbe un buon risultato“.

Poiché l’ultima bozza del maxi-emendamento della Legge di stabilità ha tagliato ogni riferimento alla banda larga, ora l’unica logica rimasta è quella di Metroweb e della Cassa depositi e prestiti di Franco Bassanini. Ma la lotta al Divario Digitale, che fine farà?

Metroweb ovviamente ha altre priorità. Quali siano, le ricorda Bertoluzzo: “rapida migrazione dal rame alla fibra, che sia aperta e soprattutto neutrale verso gli operatori affinché tutti abbiano accesso a pari condizioni e la competizione si giochi sui “.

L’azionariato di Metrweb, all’ingresso di Fastweb era così composto: F2i Reti (61,4%), A2A (25,7%), Fastweb (11,1%), e i managers Metroweb (1,7%). Ora si aggiunge il 10% di Vodafone.

Metroweb, il cui network è il più grande a Milano nel Nord Italia e Lombardia, ha più di 7.200 Km di cavi nell’area con  800.000 utenti potenziali.

fibra ottica
La banda larga è stretta in Italia
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore