Voip e P2p sotto indagine Agcom

Autorità e normative

L’autorità garante per le comunicazioni vuole indagare su Voice over Ip e Peer to peer, in merito alle strategie di limitazione e filtri dei servizi di alcuni operatori mobili. In gioco sono la trasparenza delle offerte e la net neutrality

Voip e P2p finiscono sotto la lente dell’Authority Tlc. L’indagine conoscitiva dell’AgCom vuole capire le strategie di limitazione dei servizi di alcuni operatori mobili in merito al VoIP da rete mobile e al traffico peer to peer (P2P).

L’indagine durerà tre mesi (120 giorn i) e “approfondirà i profili tecnici, economici e giuridici legati alla fornitura di tali prestazioni e valuterà se le strategie messe in atto da alcuni operatori mobili – di limitazione dei servizi in esame – siano compatibili con il quadro regolamentare vigente”.

In gioco sono la tutela del consumatore, la trasparenza delle offerte e la net neutrality: l’AgCom vuole scoprire “eventuali pratiche discriminatorie a danno di talune categorie di utenza, e, più in generale, il rispetto del p rincipio di trasparenza delle offerte al cliente finale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore