La Realtà virtuale (VR) sarà il piatto forte della Game Developers Conference (Gdc 2016)

Dispositivi mobiliMobility
La Realtà virtuale (VR) sarà il piatto forte della Game Developers Conference (Gdc 2016)
1 2 Non ci sono commenti

I dispositivi sono già fra noi o lo saranno presto, ora servono i contenuti. A Gdc 2016, metà degli sviluppatori presenti sono interessati a realizzare videogiochi per il mercato VR

La Realtà virtuale (VR), che ha stupito alla Mwc 2016 di Barcellona, torna prepotentemente alla ribalta Game Developers Conference (Gdc 2016), al via a San Francisco, dal 14 al 18 marzo.

La Realtà virtuale (VR) sarà il piatto forte della Game Developers Conference (Gdc 2016)
La Realtà virtuale (VR) sarà il piatto forte della Game Developers Conference (Gdc 2016)

Il mercato dei videogiochi è un’industria da 80 miliardi di dollari, e non può non cogliere l’opportunità della virtual reality. E al Moscone Convention Center di San Francisco, dove oggi apre Gdc, sembra di essere alla Virtual Reality Developers Conference (VRDC), dove metà degli sviluppatori convergono perché sono già interessati a realizzare contenuti per la VR.

Oculus VR era una piccola startup, quando sorprese l’industria con una campagna di successo su Kickstarter nell’estate 2012, quando raccolse 2.4 milioni di dollari in 31 giorni, catalizzando l’interesse di Facebook, che poi l’acquisì per 2 miliardi di dollari: ora Oculus Rift arriva sul mercato.

Google Cardboard (15 dollari), Samsung Gear VR (99 dollari più lo smartphone), Oculus Rift (in vendita dal 28 marzo a 599 dollari, ma non richiede smartpone), HTC Vive (in arrivo un mese dopo, a 799 dollari, senza necessità di smartphone), infine, entro fine anno arriverà Sony PlayStation VR (ancora non è noto il prezzo): i dispositivi sono già fra noi o lo saranno presto, ora servono i contenuti.

Metà dei 2.000 sviluppatori di giochi, intervistati da UBM Game Network, in un’indagine di inizio anno ha detto che sono interessati a creare titoli usando la VR, in crescita dal 37% dell’anno precedente.Ma soprattutto sono più interessati a sviluppare giochi per la VR che titoli per la PlayStation 4, o apps per Apple iPhone o Samsung Galaxy Tab.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore