Con Waymo, Google rende autonomo il progetto Self-driving car

Aziende
Google cambierà rotta nel campo delle Self-driving car

Alphabet non sta rinunciando alla Google Car, invece lancia Waymo, con cui diventa autonomo il progetto di Self-driving car. A capo dell’entità indipendenti è John Krafcik

Nel campo della guida autonoma, sembrava che Google fosse sul punto di cambiare rotta. Avevano scritto che non avrebbe più ballato da sola: basta Self-driving car, ma solo collaborazioni, lato software, con le case automobilistiche. Ma Alphabet non sta affatto rinunciando alla Google Car, invece lancia Waymo, con cui diventa autonomo il progetto di Self-driving car. Frutto della crasi fra Way (strada) e Mobility, Waymo è una entità indipendente dentro la galassia Alphabet e nutre l’ambizione di arrivare prima dei concorrenti a portare sul mercato le vetture a guida autonoma.

Google cambierà rotta nel campo delle Self-driving car
Google cambierà rotta nel campo delle Self-driving car

Per Google si tratta di mettere un punto fermo dopo sette anni di ricerca sul campo. John Krafcik, chief executive di Waymo, precisa: “Fin dal 2009 i nostri prototipi hanno trascorso sulle strade l’equivalente di 300 anni di guida e la nostra ricerca ha portato questo comparto a trasformarsi da un’idea fantascientifica a qualcosa di tanto reale che gli urbanisti hanno cominciato a pianificare un futuro fatto di auto a guida autonoma”.
Google ha condotto 1.4 milioni di miglia di test su 70 Toyota Lexus. A capo della Google Cars c’è John Krafcik, ingegnere formato all’università di Stanford, forte di 25 anni in Ford, ex dirigente di Hyundai e patron di TrueCar, la piattaforma Web di vendita auto. Krafcik è colui che ha coniato l’espressione Lean production, introdotta in una ricerca pubblicata sulla Sloan Management Review del MIT.

Inoltre starebbe valutando soluzioni per la guida autonoma da applicare anche nel car-sharing e sui taxi a partire dalla fine del 2017.

Il mercato delle smart car e delle self-driving cars vale 9 miliardi e mezzo di euro.

FCA e Alphabet, la capofila del morore di ricerca di Mountain view, hanno siglato un accordo (non in esclusiva) per l’auto che si guida da sola: l’obiettivo consiste nel realizzare 100 prototipi di self-driving minivan, basati sul modello di Chrysler Pacifica.
Pacifica sarà disponibile come minivan ibrido, equipaggiato con la tecnologia per l’auto senza pilota (driverless cars) dell’azienda californiana. Da tempo i vertici di Fiat Chrysler ritengono che è l’ora di collaborare con i nuovi player del settore, come Google ed Apple, invece di competere con essi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore