Web 2.0 Summit fa il punto in un mondo sempre più social e browser-centrico

Aziende

Nuova ricerca di Pew Internet: un americano su cinque non rinuncia ai social network. A Web 2.0 Summit Twitter e Facebook hanno fatto la parte del leone. Il servizio di micro-blogging si è diviso fra Microsoft e Google, con accordi separati. Google ha rimesso al centro Chrome Os. Chrome per Linux e Mac in arrivo

Mentre gli occhi del mondo hi-tech erano catalizzati da Windows 7, ed Apple cercava di distoglere lo sguardo da Seven per catturarlo con Magic Mouse multi-touch, in questo turbinio di eventi tecnologici, rischiava di passare un po’ in sordina il consueto Web 2.0 Summit .

Ma così non è avvenuto. Nel 2009 dell’esplosione dei social network, a nessuno sono sfuggiti gli accordi separati fra Microsoft e Twitter, e fra quest’ultimo e Google.

Inoltre Gartner ha delineato le tendenze per il 2010, mettendo nel decalogo i social media .

Un nuovo studio di Pew Internet and American Life Project certifica che un americano su cinque non riesce a far meno dei social network (inviare un Tweet sul servizio di micro-blogging da 140 caratteri o cambiare status su Facebook). Il 19% degli intervistati aggiorna Twitter, in crescita dall’11% di un anno fa. Ma chi è più 2.0? Gli utenti di Internet mobile, gli utenti sotto i 44 e gli utenti dei social network.

A Web 2.0 Google, dopo aver annun ciato l’accordo con Twitter, ha riportato al centro della scena l’anti Windows: Chrome Os . Firefox, rilasciato nel 2004,oggi conta 300 milioni di utenti attivi. Oggi il browser è centrale: in Chrome OS tutto è costruito intorno al browser.

Le Web apps sono la nostra piattaforma core,” spiega Sundar Pichai, VP del product management di Google. “Se tu scrivi un codice che gira sul browser, esso gira su Chrome OS.” Ha continuato Pichai: “Noi descriviamo Chrome OS come Chrome sopra Linux, con un nuovo sistema di finestre (windowing system)”. Un sistema operativo Linux integrato in Chrome.

Le versioni del browser Google Chrome per Linux e Mac sono in arrivo.

Google, nato come motore di ricerca, sta per sfidare Windows nel mercato netbook, con Google Chrome Os , dopo aver lanciato il guanto a Internet Explorer (con il browser Chrome), a Office (con le Google apps sul Web) e a Windows Mobile (con Google Android).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore