Web radio pagheranno le royalties

AccessoriWorkspace

Il U.S. Copyright Office e giunto a una decisione in merito alla questione del pagamento delle royalties per la musica suonata attraverso le web radio

Washington, USA – Con laumentare delle connessioni veloci a Internet, sta crescendo anche linteresse che i navigatori hanno verso le radio accessibili sul web. Esistono in rete sia siti di radio tradizionali, che mettono a disposizione via Internet le proprie trasmissioni, sia siti amatoriali di utenti che offrono musica on-line gratuitamente. I servizi offerti da questi siti, pero, sono stati presi di mira sia dalle industrie discografiche sia dal Copyright Royalty Arbitration Panel (CARP), il quale ha chiesto tempo fa al U.S. Copyright Office limposizione di royalties per ciascuna canzone suonata. E di questi giorni la decisione raggiunta dallUfficio per il copyright americano, che ha stabilito a carico delle web radio il pagamento di licenze alle industrie discografiche. Le royalties sono state convenute in 70 centesimi di dollaro, esattamente la meta di quanto chiesto inizialmente dal CARP (1,40 dollari).Pur sembrando importi molto bassi, i costi per le numerose web radio saranno davvero elevati. Tale imposizione e giuridicamente corretta, in quanto le leggi sul copyright prevedono per gli autori e per i titolari dei diritti dautore (per es., le case discografiche) il diritto a essere remunerati per tutte le utilizzazioni fatte della propria opera. Allo stato attuale, la decisione presa dalla U.S. Copyright Office potra essere impugnata alla Corte di Appello del Distretto della Columbia entro trenta giorni. Se le sorti della vicenda non dovessero cambiare, i primi pagamenti mensili potrebbero avvenire gia dal prossimo novembre. Non e da trascurare, infine, che le tasse cosi stabilite avranno efficacia retroattiva al 1998. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore