Wef: L’Italia arranca, medaglia d’oro alla Danimarca

Workspace

Bruxelles ha appena promosso l’Italia come capitale dei cellulari per penetrazione. Ma nello sviluppo dell’Ict, l’Italia si piazza 45esima su 134 paesi, dopo Malesia, Tunisia, Giordania e Ungheria, ma prima di Cina e Thailandia

L’Italia ha appena ricevuto una medaglia d’oro da Bruxelles per penetrazione dei cellulari (siamo primi con il 152,9%), ma non sbarca il lunario nel Rapporto Wef delle networked economy. Nel 2007 il nostro paese era passat o dalla 42esima posizione alla 38esima, adesso fa un passo indietro e scivola di nuovo alla 45esima.

Tra le economie in Rete la Danimarca è medaglia d’oro, invece l’Italia è poco sopra metà del guado, in 45esima posizione, appena prima di Cina e Thailandia, ma dopo Lituania, Barbados, Malesia, Tunisia, Giordania e Ungheri a.

Tra i paesi al Top della classifica del Wef (World Economic Forum) sono Danimarca, Svezia, Usa, Singapore, Svizzera, Finlandia, Islandia, Norvegia, Olanda e Canada.

La classifica annuale del World Economic Forum (Wef) misura le capacità di sviluppo dell’Ict di un paese. Tra le caratteristiche prese in esame, sono: le infrastrutture per la banda larga (l’ Italia è in pauroso ritardo , in questo settore); connettività mobile. Del resto, secondo l’ultimo Rapporto Ue sul mercato delle Tlc , tutt’ora l’Italia è ben al di sotto sotto la media Ue: l’Italia è al 19%, molto lontano dal 22,9% di media Ue.

In fondo alla classifica Wef, si piazano paesi poveri come Nicaragua, Cambogia, Nepal, Bolivia, Etiopia, Bangladesh, Burundi, Zimbabwe, Timor-est e Chad.

Per essere aggiornato sulle ultime notizie del mercato, iscriviti alle newsletter di NetMediaEurope, clicca qui

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore