WikiLeaks svela i segreti di guerra

MarketingNetwork

Il sito WikiLeaks.org ha pubblicato più di 75 mila file scottanti sull’Afghanistan

Ecco i 76,900 file confidenziali che Wikileaks aveva promesso e il Pentagono voleva impedire di pubblicare. Il sito li ha dati in anteprima al New York Times, al tedesco Der Spiegel, e all’inglese Guardian: sono file sulla guerra afghana e svelerebbero che il Pakistan aiuta i Talebani, l’Iran fomenta la ribellione, le truppe della coalizione Usa hanno ucciso centinaia di civili in incidenti mai resi noti.

Da sempre WikiLeaks, fondato da Julian Assange, capo di Wikileaks, svela i segreti scomodi. Wikileaks è un sito collaborativo al quale chi vuole può mandare documenti altrimenti destinati a restare segreti, ma non pubblica tutto: prima verifica e non pubblica dati privati.

Finanziato con donazioni (lo scorso inverno versava in difficoltà economiche), Wikileaks sta assumendo il ruolo del sito paladino della libertà di stampa. File pubblicati su WikiLeaks che hanno mostrato la fragilità di una banca islandese, hanno innescato la crisi finanziaria del paese nordico. Tramite questo sito è stato rivelato il Rapporto Caio, sul Digital divide italiano, e l’attacco di un elicottero americano a Bagdad in cui vennero uccisi 12 civili, tra cui due dipendenti dell’agenzia Reuters.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore