Wind – 3 Italia, fusione completata

AziendeMercati e Finanza
Wind - 3 Italia, fusione completata
3 1 Non ci sono commenti

Nasce un nuovo operatore con 31 milioni di clienti nei servizi mobili e 2,7 milioni nella telefonia fissa. Maximo Ibarra, attuale Ceo di Wind, guiderà la joint venture CK Hutchison e VimpelCom che controlla sia 3 Italia che Wind

L’ora della fusione di Wind e 3 Italia è scattata e nasce un nuovo operatore con 34 milioni di clienti complessivi (31 milioni di clienti nei servizi mobili e 2,7 milioni nella telefonia fissa) e 6,25 miliardi di euro di ricavi totali. Maximo Ibarra, attuale Ceo di Wind, guiderà la joint venture paritetica CK Hutchison e VimpelCom che controlla sia 3 Italia che Wind. Invece Vincenzo Novari, Ceo di 3 Italia, è stato nominato Special Adviser di CK Hutchison. Nella joint venture, assumono incarichi anche Dina Ravera (Merger Integration Officer) e Stefano Invernizzi (Cfo).

Wind - 3 Italia, fusione completata
Wind – 3 Italia, fusione completata

Lo scorso primo settembre la Commissione Europea ha concesso semaforo verde, in cambio di 7 miliardi di euro di investimenti in infrastrutture digitali e garanzie in termini di copertura e velocità. L’approvazione definitiva è stata data a fine ottobre dal Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE).

La nuova azienda prevede di raggiungere, a tendere, sinergie in termini di costi e investimenti per un valore di 700 milioni di euro all’anno” spiega una nota: “Oggi è un grande giorno per lo sviluppo dell’economia digitale in Italia. Questa operazione non solo darà vita ad un operatore nuovo e competitivo, ma genererà investimenti significativi che guideranno lo sviluppo dell’infrastruttura digitale del Paese“, ha dichiarato Canning Fok, Co-Managing Director di CK Hutchison.

Jean-Yves Charlier, Chief Executive Officer di VimpelCom prevede vantaggi a partire dal 2017, “non appena le due compagnie integreranno le proprie reti e condivideranno il loro know how tecnologico”, mentre Canning Fok, Co-Managing Director di CK Hutchison, scommette sugli investimenti “che guideranno lo sviluppo dell’infrastruttura digitale del Paese”.

Il nuovo operatore integrato punta sulla collaborazione con Enel Open Fiber.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore