Windows 10 non sarà gratis per i pirati, ma apre a licenze ad hoc

Sistemi OperativiWorkspace
Windows 10 non sarà gratis per i pirati: potranno però beneficiare di offerte ad hoc
1 0 Non ci sono commenti

Windows 10 non sarà gratis anche per i pirati, ma verranno proposte offerte per chi non ha licenze

Microsoft, dopo aver presentato le sei edizioni principali di Windows 10, chiarisce la sua politica in tema di pirateria. Windows 10 non sarà gratis per i pirati, ma l’azienda di Redmond apre a licenze ad hoc. Microsoft sceglie la diplomazia.

Windows 10 non sarà gratis per i pirati: potranno però beneficiare di offerte ad hoc
Windows 10 non sarà gratis per i pirati: potranno però beneficiare di offerte ad hoc

Alla conferenza WinHEC 2015, Microsoft aveva lasciato intuire che chi aveva copie pirata (non originali) di Windows 7 e 8.1, potesse effettuare l’upgrade gratuito (per un anno) a Windows 10.

Invece un nuovo post di Terry Myerson, vice-presidente esecutivo della divisione «Sistemi Operativi», accende i fari su questo tema spinoso: Windows 10 non sarà gratis anche per i pirati, ma verranno proposte offerte per chi non ha licenze.

Chi possiede copie pirata, installate illegalmente, di versioni precedenti del software, avrà un logo in sovrimpressione sul desktop che notificherà la non genuinità del suo OS. L’offerta gratuita non si applicherà ai dispositivi con copie “non genuine” di Windows, ma anche i pirati potranno beneficiare di “offerte” ad hoc, pagando per l’upgrade a Windows 10.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore