Windows 7 è nei negozi

Sistemi OperativiWorkspace

Il 22 ottobre Microsoft lancia Windows 7 a scaffale. Nella Ue permette di scegliere il browser grazie al ballot screen. Il debutto consumer di Seven coincide con il lancio di nuovi Pc touchscreen e netbook per tutti i gusti. Per Microsoft rappresenta la sfida più importante della sua storia: Windows genera il 42% degli utili di Microsoft, ma dovrà vedersela con un’agressiva Apple, forte di Snow Leopard, e con l’arci-rivale Google, pronta a lanciare il guanto a Windows con Chrome Os (sui netbook dal 2010). Per l’occasione Microsoft ha testato l’advertising di Seven su Twitter, ha regalato 777 copie agli abitanti olandesi di Zevenhuizen(letteralmente: sette case), si è inventata i Windows 7 party (con copie autografate dal Ceo Steve Ballmer) e apre un Windows Café nel cuore di Parigi. In attesa del primo imminente Microsoft Store, dedicato a Windows 7, Windows Phone e alla filosofia di Redmond

Microsoft sta per lanciare Windows 7: il 22 ottobre è ormai alle porte. Dal 22 ottobre – data del rilascio di Seven – nei retail europei non sarà commercializzata la versione di upgrade a Windows 7, per non ostacolare il lancio del nuovo sistema operativo. Per questo Windows 7 Home Premium costerà 119,99 euro fino al 31 dicembre.

Altra novità per gli utenti Microsoft nella Ue, è la possibilità di scegliere il browser grazie al ballot screen.

Tra le novità più importanti di Windows 7 c’è il supporto per le interfacce del futuro, quelle touchscreen . Lenovo , Sony e Hp (touchsmart, ma anche notebook) iniziano a proporre i computer pronti perWindows 7 con i display touchscreen che finalmente offrono un’esperienza all’altezza con Zoom, Multitouch, Press and Tap per visualizzare i menu contestuali dal display e altre gesture ancora, soprattutto quando si sfogliano le foto.

“Ci vorrà tempo, certo, ma almeno in questo Microsoft sembra anticipare il futuro, o almeno si dimostra pronta ad accoglierlo. L’iPhone ha dato l’esempio di come si devono integrare hardware e software su un device touch mobile. Ora vediamo chi riuscirà a fare meglio con i PC”.

Ma tra i fiori all’occhiello di Windows 7, non c’è solo il touchscreen: l’uso remoto di Windows 7 (grazie a due tecnologie chiave, che però richiedono Windows server 2008 R2: BranchCache e DirectAccess); Seven ha migliorato la sicurezza Secure Development Lifecycle, Uac (con meno pop-up per non frustrare gli utenti), aggiornato BitLocker e introdotto AppLocker (per evitare download e installazione di software non autorizzato); 350 nuove opzioni di controllo, per ottimizzare la gestione; Windows 7 è netbook frindly; Virtualizzazione desktop (il sistema gira sulle piattaforme di VMware, Citrix, e Microsoft); Windows 7 supporta le offerte Saas in vista di Office Web in arrivo nel 2010 (Internet Explorer 8 è altamente integrato con Seven).

Infine, finalmente, c’è una timeline chiara in casa Microsoft: Windows 7 esce il 22 ottobre, con supporto per 5 anni (o altri due anni dopo l’uscita del successore); il supporto mainstream a Windows XP terminerà ad aprile; quello a Vista nell’aprile 2012.

Insomma, strada spianata a Windows 7, a scaffale dal 22 ottobre.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore