Windows 9, nome in codice Threshold: lo vorremmo così

ManagementMarketingSistemi OperativiWorkspace
4 0 1 commento

Microsoft deve accelerare i tempi su Windows 9 e svelare come intende far convergere Windows Phone e Windows 8 RT. Ecco come vorremmo fosse il prossimo Windows

Si fanno fitte e più insistenti le voci riguardo Windows 9, che da tanti sul Web viene identificato anche con il nome in codice Threshold e di cui abbiamo già accennato in altri contributi.

In aggiunta alle perplessità emerse riguardo Windows 8 e l’interfaccia a tile, questa è l’occasione buona per provare a raccogliere le idee e esprimere come pensiamo debba essere la prossima versione di Windows, o almeno le principali direttrici di sviluppo per soddisfare realmente il mercato.

Diamo oramai per scontata e chiusa la questione di Windows 8 come sistema operativo per le aziende. Ci sentiamo tranquillamente di affermare che Windows 8, come capitò anche a Windows Vista in azienda entrerà poco, lo abbiamo detto da subito,  e questo si avvererà. E come capitò già a Windows Vista, Me, e altri Os ‘intermedi’. anche Windows 8 non passerà alla storia come un sistema operativo di successo, ma invece sì, come sistema operativo di svolta. Come il primo tentativo di unificare gli ambienti di lavoro su tablet, ibridi e computer.

Come è risaputo, al debutto di un nuovo sistema operativo sul mercato sono già formate anche le prime idee di base di sviluppo per la versione successiva. Windows 8 ha debuttato nell’autunno del 2012 (ad agosto 2013 è arrivato il primo update di rilievo Windows 8.1), ma al riguardo si sapeva già tutto, considerata l’ampia diffusione anche della beta. Non è strano quindi pensare che anche per Windows 9 le idee di base già siano chiare, e da questa primavera potrebbe essere pronta un’alpha matura, considerato che le modifiche da apportare a Windows 8 sono prevalentemente di usability.

A Windows 9 noi chiediamo:

1. Il ripristino effettivo del pulsante Start così come è entrato nel modo di lavorare di mezzo mondo e cioè con le caratteristiche di Windows 7, senza trucchi, e con funzionalità più complete di quella di fungeere solo da semplice scorciatoia.

2. La possibilità reale e completa di sfruttare tutte le caratteristiche el sistema operativo e di gestirlo in ogni sua voce di configurazione o in entrambi gli ambienti di lavoro (quindi sia nella modalità di presentazione Windows 8  – ex Metro, sia da interfaccia Desktop), oppure da una sola unica modalità, ma senza schizofrenie (si pensi solo alla gestione e alla rimozione degli account in parte da gestire con interfaccia Windows 8, in parte da Pannello di controllo classico).

3. Un’ottimizzazione dello spazio di lavoro soprattutto con la nuova interfaccia, che al momento non permette di lavorare bene se non al massimo su due applicazioni alla volta. Ci piacerebbe ad esempio conoscere quali sono stati i feedback del pubblico della famosa visualizzazione Semantica dei tile.

multitasking-cattura-schermo
Windows 8 vs Windows 9 – Ci si aspetta una migliore gestione dello spazio per l’utilizzo di applicazioni multiple contemporaneamente

4. La possibilità di stare sempre nell’ambiente desktop e di visualizzare in una finestra aperta sul desktop l’altra inferfaccia a tile, quella comoda quando si dispone di un display touch. E’ questa un’opzione di lavoro che agevolerebbe tutti coloro che lavorano con un sistema di computing diverso dal tablet o semplicemente non-touch.

5. Chiediamo a Windows 9 di arrivare infine come update gratuito, per tutti coloro che possiedono una licenza del sistema operativo precedente Windows 8. Pensiamo che abbia senso proporlo a prezzo fortemente scontato a chi detiene una licenza di Windows 7, in modo da favorire l’eventuale update. E’ tempo infine che anche Windows 9 sia proposto in licenza d’uso in modalità Software As A Service, come Office 365. Il vendor può tranquillamente precaricare un’immagine utilizzabile per il tempo che serve e poi sarà il cliente a premiare il lavoro svolto sul software.

A questo punto sarebbe interessante che Microsoft consentisse a tutti (non solo alle aziende) la possibilità di scegliere qual è il sistema operativo migliore per i propri scopi. Come si fa a dichiarare di successo un sistema operativo, solo perché lo si vende su tutti i device che sono in commercio? Alle porte ci sono device con l’Os Chrome e quelli già venduti con entrambi i sistemi operativi.  Windows 9 è l’ultima chiamata se Microsoft vuole dimostrare di essere migliore rispetto alla proposta di altri vendor e Aprile 2015 – data probabile per un rilascio di questo tipo – è dietro l’angolo; non sarebbe male se nel frattempo si ottenessero risposte anche sulla convergenza tra Windows Phone  e Windows 8 RT. Poi l’ultimo baluardo da difendere resterà Office. Una bella gatta da pelare per il nuovo Ceo, chiunque egli sia.

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore