Windows Xp fa spazio a Vista

Sistemi OperativiWorkspace

Il 30 giugno Microsoft ha ritirato il suo vecchio sistema operativo dai vendor di Pc e Vista riparte dalle 140 milioni di copie vendute, senza più il rivale imbattibile. Non solo Windows: Microsoft lavora anche su Singularity, MinWin e Midori

Da oggi, come annunciato , chi compra un Pc trova solo sistemi equipaggiati con Windows Vista, e se vuole Xp deve acquistare un netbook (un mini

notebook) oppure sperare in un downgrade da Vista (versioni Ultimate e Business). Come già spiegato , X p non va proprio in pensione: il supporto tecnico completo scadrà solo nel 2009 e il rilascio di update di sicurezza finirà nel 2014, quando Xp compirà i 13 anni. Chi vorrà saltare Vista, come Intel nella sua azienda, potrà aspettare Windows 7, atteso per il 2010. La petizione Save Xp, che voleva salvare il vecchio sistema operativo di Microsoft, è arrivata al traguardo di 210,000 firme, tuttavia non ha commosso Microsoft, troppo impegnata a fare largo a Vista.

Windows Vista infine riparte dalle 140 milioni di copie vendute, senza più il rivale imbattibile, quale è stato Xp: le milioni di copie vendute di Xp sembrano tantissime, ma non sono così tante in un mercato Pc a doppia cifra.

Intanto c’è chi dice che Microsoft abbia bisogno di aria fresca, invece che pensare solo a Windows: e a livello di ricerca, lavora su Singularity Os e su una derivazione, nome in codice Midor i, oltre che sul kernel MinWin. Non c’è solo Windows: di Singularity Os sappiamo che è un sistema operativo sperimentale, che non sarà l’evoluzione di Vista. Singularity Os assicura isolamento dei processi di sistema, è scritto in codice guidato e punta a realizzare un sistema operativo dalla massima affidabilità.

Ma di più, per ora non abbiamo notizia: tuttavia Microsoft sta sviluppando altri approcci al sistema operativo e potrebbe anche riguardare indietro, come Apple ha saputo rinnovarsi in pochi anni con Mac Os X.

Leggi anche: Singularity Os a Mix 08

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore