Windows Xp, Microsoft conferma pensione e supporto Extended

Sistemi OperativiWorkspace

Windows XP riceverà patch e aggiornamenti di sicurezza fino al 2009, e poi il supporto “Extended” a pagamento fino al 2014, a tredici anni di distanza dal debutto del sistema operativo

Per chi ha lanciato la famosa Petizione Salvate Xp, sta per giungere il momento di issare bandiera bianca: questa volta Microsoft non demorde e conferma il prepensionamento di Xp.

Dopo mesi di indiscrezioni su eventuali ripensamenti, è ormai certo che Microsoft non torni indietro: Windows Xp sta per uscire di scena per far posto a Windows Vista e dal 2010 a Windows 7.

I produttori di Pc non riceveranno più copie di Windows XP da pre-installare sulle nuove macchine ddal 30 giugno. La conferma arriva dall’update della Windows Roadmap di Bill Veghte , Senior Vice President, Online Services & Windows Business Group di Microsoft.Uniche due eccezioni: i system builder white box (fino al 2009) e i costruttori d i Pc a basso costo, i mini notebook e mini desktop (fino al 2010). Il successo iniziale di Asus EeePc con Linux ha allungato la vita a Xp su questo segmento del mercato Pc, in forte crescita.

Ma il pre-pensionamento di Windows Xp non inciderà sul supporto: Windows XP ricever à patch e aggiornamenti di sicurezza gratuiti fino al 2009, e poi il supporto “Extended” a pagamento fino al 2014, a tredici anni di distanza dal debutto del sistema operativo, tra i più amati e longevi in casa Microsoft.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore