Wired Italia va in edicola

Management

Esce anche in Italia la rivista californiana alla ricerca dell’innovazione made in Italy

Wired(letteralmente: connesso) è stata la rivista di culto per una generazione hi-tech, quando in Italia di nuove tecnologie e innovazione parlavano in pochi illuminati editori. Oggi esce Wired Italia, da Condè Nast, alla ricerca dell’innovazione made in Italy, con 31mila abbonati.

La versione italiana della “bibbia” californiana di scienza, futurologia e innovazione, vuole integrare Internet con l’appuntamento in edicola, in un periodo di profonda crisi per l’editoria cartacea tradizionale.

Tra le iniziative da raccontare agli italiani, Luna cita Codice Internet ” di Marco Montemagno.

Riccardo Luna, 43 anni, ricorda a Reuters un aneddoto: Chris Anderson, direttore di Wired Usa, ani fa a Milano, chiese notizie di Massimo Banzi, fondatore della piattaforma open source Arduino: “Molti considerano (quello di Banzi) uno dei progetti all’avanguardia nel mondo ma nessuno in Italia sapeva chi fosse … c’è molto di innovazione e tante nicchie da connettere. E Wired può servire a questo: vorrebbe diventare bandiera dell’innovazione italiana“.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore