X2 – la Minaccia

Management

All’avventura nello spazio profondo

Solo se riuscirete a superare l’impatto iniziale arriverete a apprezzare appieno X-2: la Minaccia. Prendere dimestichezza con oltre 50 combinazioni di comandi tastiera, senza arenarsi alle prime difficoltà o arrendersi alla frustrazione dopo essersi persi nelle oscurità dell’universo, sarà certo faticoso ma ne vale la pena. Il titolo sviluppato da Ego Soft costituisce il seguito di X: Beyond the Frontier, ma soprattutto ricorda per struttura e complessità, Elite, il simulatore spaziale per eccellenza a cui si sono ispirati i moderni Freelancer, Wing Commander e I-War. Considerare però X-2 come il “solito” simulatore spaziale, vorrebbe dire fare un torto agli sviluppatori di Ego Soft. È un gioco dotato di un sistema economico da fare invidia alla serie Tycoon, caratterizzato da una complessità strategica quasi pari a quella di Civilization. Propone un mondo popolato da una moltitudine di astronavi, pianeti, stazioni orbitanti che per varietà ridicolizzano gli sparatutto spaziali. Questi e altri elementi rendono X-2 un titolo che sfugge alle classificazioni. In un universo vivo guidato da un sistema economico dinamico potete scegliere se sedervi davanti al cock-pit di un’astronave per cimentarvi nella rischiosa attività di pirata, o se avventurarvi nell’altrettanto pericolosa carriera di commerciante. Per apprezzare al meglio le sfaccettature di X-2, è meglio optare per la seconda ipotesi e seguire così uno schema che lascia la massima libertà di movimento. Vi troverete così a trasportare da un pianeta all’altro materie prime e manufatti. Quando avrete le risorse economiche sufficienti potrete commerciare in proprio, e visitare sistemi planetari lontani e stazioni orbitanti periferiche per trarre il massimo guadagno dalla vendita di uno stock di celle di energia. Dovrete poi sfuggire alle scorrerie dei pirati, e riuscire a vendere merci per potenziare motore, stiva e armamento della vostra navicella. Potrete poi acquistare un’altra nave, prendere il controllo di un’intera flotta commerciale o di un Mammooth: un gigantesco incrociatore capace di portare al suo interno decine di navicelle. Tanta varietà è inserita in un sistema di gioco affatto lineare, che privilegia l’esplorazione e un’attenta analisi delle proprie risorse e di tutti gli aspetti legati all’attività commerciale. Dal punto di vista tecnico, sebbene il “motore” del gioco non sembri ottimizzato, (X2 è poco fluido anche su PC potenti) l’impatto grafico è strabiliante. Grazie all’utilizzo di texture dettagliatissime e all’efficace modellizzazione di astronavi e stazioni spaziali, il gioco, oltre a soddisfare la vista, riesce alla perfezione a dare la sensazione di essere all’interno di un universo pulsante e pieno di vita. Altrettanto efficaci e coinvolgenti il sonoro e gli effetti audio. In conclusione X-2 la minaccia non è un gioco privo di difetti, sia per le imperfezioni di carattere tecnico che per il livello di difficoltà. Se però avrete la pazienza di superare i primi momenti di imbarazzo, scoprirete un gioco sorprendente, ricco di sfaccettature, impegnativo, coinvolgente e ambientato in un universo in cui niente è deciso a priori ma tutto è lasciato alla vostra libera scelta.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore