Xiaomi sfida Apple nel segmento phablet

AccessoriMarketingMobile OsMobilityWorkspace
Xiaomi ha presentato Mi Note, un modello più sottile e luminoso dell'iPhone 6 Plus di Apple
1 0 1 commento

Xiaomi ha presentato Mi Note, un modello più sottile e leggero dell’iPhone 6 Plus di Apple

Xiaomi ha presentato Mi Note, un modello più sottile e luminoso dell’iPhone 6 Plus di Apple. Spesso appena 6.95 mm, Mi Note è uno smartphone Android con schermo da 5.7 pollici, che costa appena 371 dollari, una frazione del prezzo dell’iPhone più ampio. Ma il nuovo dispositivo mobile di Xiaomi mette sotto pressione anche Samsung Galaxy Note 4. Il phablet del vendor cinese da 16 GB costa meno della metà del modello equivalente di Apple e Samsung. Xiaomi, il terzo vendor del mercato smartphone, con questa nuova mossa, espanderà il market share, allungando il passo su Samsung, HTC, Lenovo e Lg.

Mi Note pesa 161 grammi, 11 grammi meno dell’iPhone 6 Plus.Vanta una fotocamera da 13 Megapixel sul retro (con sensore Sony) e una frontale da 4 Megapixel.

Il prossimo device Xiaomi Mi Note Pro disporrà di 4GB di memoria e 64GB di storage integrato, display con risoluzione 2K (515 pixel per pollice), ha un processore più veloce Snapdragon da 64 bit e un chip 4G, in grado di effettuare download da 450 megabit per second (Mbps). Costerà 532 dollari.

Xiaomi ha presentato Mi Note, un modello più sottile e luminoso dell'iPhone 6 Plus di Apple
Xiaomi ha presentato Mi Note, un modello più sottile e luminoso dell’iPhone 6 Plus di Apple

Xiaomi detiene il 5.3% di quote del mercato globale di smartphone nel terzo trimestre del 2014, mentre Samsung ha lo scettro con il 23.8% ed Apple è terza al 12.0%, secondo IDC.

L’ascesa di Xiaomi alla velocità della luce, negli ultimi trimestri, ha catturato l’attenzione di Facebook. Il numero uno dei social network vorrebbe investire un miliardo di dollari nell’azienda di smartphone, non solo per beneficiare delle opportunità del Mobile, ma anche per entrare nel fiorente mercato cinese (dove le porte sono chiuse a Facebook).

Intanto Xiaomi vorrebbe investire in start-up indiane di contenuti media, per dominare le case con TV ed applicativi. Lo riporta Reuters. Xiaomi è valutata 45 miliardi di dollari, dopo che ha raddoppiato il fatturato a 12 miliardi di dollari. L’azienda cinese punta a vendere 100 milioni di device quest’anno.

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore