Yahoo! acquisisce l’app Blink dei messaggi effimeri

AcquisizioniAziendeMarketing
Yahoo! acquisisce RayV, startup dedicata al video streaming
1 0 Non ci sono commenti

Yahoo! compra l’app mobile di messaggistica che si autodistrugge. Acquisendo Blink, Yahoo! sfida Snapchat

Ancora shopping per il Ceo di Yahoo! Marissa Mayer. Yahoo! acquista l’app mobile di messaggistica che si autodistrugge, Blink. La startup Blink si è infatti specializzatain un’applicazione che consente agli utenti di inviare messaggi che si auto distruggono ad un’ora configurata da chi li ha inviati, per non lasciare tracce, almeno in apparenza.

Con questa mossa Yahoo! sfida Snapchat con i messaggi “effimeri” di Blink. Il team, composto da 7 brillanti talenti, che sta dietro a Blink lavorerà in prodotti smart di comunicazione a Yahoo!.  L’app permette di inviare testi, immagini e audio pronti all’auto distruzione, ed è rivale di Snapchat, la cui presunta volatilità dei contenuti scambiati l’ha messa nei guai con le autorità statunitensi.

Yahoo! acquisisce l'app di messaggi che si autodistruggono Blink
Yahoo! acquisisce l’app di messaggi che si autodistruggono Blink

Infatti Snapchat è nel mirino del Federal Trade Commission (Ftc), l’antitrust americano, per questioni di privacy. L’americana Ftc accusa l’app di tradire le aspettative degli utenti sulla “sparizione definitiva” dei messaggi. Le pratiche di Snapchat in tema di privacy saranno sorvegliate per i prossimi 20 anni: i contenuti potevano essere salvati dai deasinatari razie a un hack; inoltre, Snapchat raccoglieva informazioni personali senza aver ottenuto il consenso degli utenti ovvero senza una corretta informazione; infine, non aveva protetto i dati in maniera opportuna. Snapchat rifiutò un’acquisizione da circa 3 miliardi di dollari; Facebook si è poi aggiudicata Whatsapp per 19 miliardi di dollari.

Blink chiuderà l’app sia per Apple iOS che per Google Android; quindi cercherà di portare la visione di Blink in Yahoo!. I termini dell’acquisizione non sono stati resi noti. Yahoo! ha acquisito circa 40 giovani aziende, – da Sparq a Stamped, da Jybe a Summly, da Tumblr (pagata 1,1 miliardi di dollari) a Qwiki e da Aviate a Xobni e Vizify -, molto spesso seguendo la strategia dell’acqui-hire, l’acquisizione di talenti: grazie a queste acquisizioni, 4Blink ora conta 430 milioni di utenti mensili.

Blinkè un prodotto  Meh Labs, un’azienda fondata da ex impiegati di Google, Kevin Stephens e Michelle Norgan. Invece Viber è stata acquisita per 900 milioni di dollari dall’azienda di e-commerce giapponese Rakuten.

L’imminente IPO di Alibaba, di cui il il 22,6 per cento è in  mano a Yahoo!, dovrebbe fruttare una bella cifra al Ceo Marissa Mayer. Nella quotazione a Wall Street è previsto che Yahoo venda circa 208 milioni di azioni in proprio possesso, riducendo la sua quota dall’attuale 22,6 per cento al 13,6 per cento. Chiusa l’IPO, Yahoo potrebbe intascare 12 miliardi di dollari in contanti, riducendo la sua quota dall’attuale 22,6 per cento al 13,6 per cento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore