Yahoo ancora sotto accusa per il materiale hard

Network

UnAssociazione di cittadini statunitensi richiama lattenzione del procuratore Generale sulla diffusione di siti con pornografia infantile

Yahoo continua a permettere che pornografia infantile e oscenità, siano offerte dai suoi server. Laccusa arriva da Patrick Trueman della American Family Association (Afa) che osserva come la promessa di rimuovere tale materiale dalle directory del sito più visitato al mondo, sia rimasta ancora insoddisfatta a due mesi di distanza. Una ricerca dai club di Yahoo o sulle pagine di Geocities, porta ancora a un gran numero di pagine dove si possono vedere dei bambini in atti sessuali espliciti spiega Trueman. Lo scorso aprile, lAfa aveva sollecitato lintervento del Procuratore Generale John Ashcroft, per bloccare la diffusione della pornografia infantile su Yahoo, ma ora richiede un altro intervento Sebbene siano stati rimossi molti club e molti siti Geocities con materiale illegale, la società continua ad attrarre pedofili e appassionati in genere di materiale hardcore sostiene Trueman. Da parte sua Ashcroft, ha osservato come la rivoluzione che sta interessando la trasmissione dei dati informato elettronico rende spesso più difficili gli interventi delle agenzie di controllo. Dal canto suo Yahoo non ha diramato nessun commento ufficiale in merito; nel suo modulo dadesione ai servizi, ha da sempre specificato che la diffusione di materiale volgare è espressamente vietata.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore