Yahoo! – AOL, fantaipotesi di fusione

AziendeMarketing
Aol nel mirino di Yahoo (in foto: Marissa Mayer, Ceo di Yahoo!)
1 0 Non ci sono commenti

L’investitore attivista, Starboard, ritiene che il merger fra Yahoo e Aol ha senso perché consentirebbe di tagliare costi per un miliardo di dollari. Ma secondo altri analisti, i vantaggi della fusione sono esigui

Sopravvissuta allo scoppio della bolla della Net economy del 2000, Aol si è reinventata come azienda di advertising digitale, e ora potrebbe finire nel mirino di Yahoo!, reduce dalla fiorente IPO dei record di Alibaba. Dopo il fallito matrimonio con Time Warner, terminato nello spinoff, Aol si è riciclata nel mondo dell’advertising, mentre il modello in abbonamento ormai è sceso al 25%.

Anche Yahoo! è anch’esso un portale nato agli albori di Internet, messo però in ombra dall’ascesa, prima di Google e poi dalla scalata al successo dei social network come Facebook e Twitter.

Il merger fra i due pionieri del Web lascia un po’ fredda la Silicon Valley. La fusione aiuterebbe Aol e Yahoo a competere nel mercato della pubblicità, ma, anche se messi insieme, rimarrebbero lontani dai fasti dei tempi che furono. Secondo l’investitore attivista, Starboard, il merger ha senso perché consentirebbe di tagliare costi per un miliardo di dollari. Ma Erik Gordon, professore della Ross School of Business presso l’Università del Michigan, i vantaggi sono scarsi e non giustificano una fusione: integrare staff e sistemi, fa perdere tempo e alza i costi. JMP Securities vede Aol in crescita grazie all’acquisizione di Adap.tv per 405 milioni di dollari, ma non Yahoo!. Anche Pivotal Research Group esprime scetticismo.

Secondo eMarketer, il motore di ricerca Google nel 2014 è destinato a detenere un terzo della spesa di digital advertising da 140 miliardi di dollari, seguito da Facebook all’8%. Invece AOL ha meno dell’1% e Yahoo si ferma al 2.5%, entrambe in discesa rispetto al 2013.

Aol nel mirino di Yahoo (in foto: Marissa Mayer, Ceo di Yahoo!)
Aol nel mirino di Yahoo (in foto: Marissa Mayer, Ceo di Yahoo!)
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore