Yahoo! è attratta dai video

AziendeMarketing
Verizon alla conquista di Yahoo! per quasi 5 miliardi di dollari
0 0 Non ci sono commenti

I video online sono in crescita. E Yahoo! vorrebbe diventare un’alternativa non tanto a YouTube, quanto ad Amazon, Hulu e Netflix

Non solo sembrava in trattative per acquisire News Distribution Network, un servizio di video syndication, per 300 milioni di dollari, ma ora si dice che Yahoo! potrebbe comprare programmazione originale, in genere su TV via cavo. Lo riporta il Wall Street Journal. In ogni caso Yahoo! sembra provare un’attrazione fatale per i video online: il portale Internet, guidato dal Ceo Marissa Mayer, potrebbe ordinare quattro differenti serie Web, commedie della durata di mezz’ora, con budget di pochi milioni di dollari per-episodio, attese all’evento del 28 aprile NewFront di Yahoo! per gli inserzionisti.

Yahoo! avrebbe l’intenzione di mettere a punto un catalogo di contenuti video in grado di incrementare il numero di visitatori del sito. L’obiettivo di Marissa Mayer consiste nel mettere un freno alla supremazia di YouTube di Google.

YouTube, acquisito nel 2006 da Google per 1,65 miliardi di dollari, è diventato il terzo sito per traffico al mondo. Ma, secondo Re/Code, Marissa Mayer potrebbe voler rivaleggiare con YouTube: per questo motivo, avrebbe contattato alcune star del sito, stanche per i bassi compensi.

Si favoleggia da tempo di un interessamento di Yahoo! per Vimeo, la piattaforma di condivisione di video di alta qualità e utilizzata da filmmaker. I video online sono in crescita. E Yahoo! potrebbe realizzare in tempi brevi un’alternativa non tanto a YouTube, quanto ad Amazon, Hulu e Netflix. Quest’ultima si è fatta notare per la serie “House of Cards.”

Secondo eMarketer le acquisizioni di 30 aziende, da Sparq a Stamped, da Jybe a Summly, da Tumblr (pagata 1,1 miliardi di dollari) a Qwiki e da Aviate a Xobni e Vizify, sono state positive. Ma a Yahoo! serve ancora tempo per tornare a crescere, dopo che il fatturato del digital ad di Yahoo negli Stati Uniti è crollato dal 6.8% del 2012 al 5.8% di market share nel 2013; i ricavi globali derivanti dal digital adversting sono scesi dal 3.37% al 2.87% nel 2013; la quota di fatturato di Yahoo nel search advertising è in flessione dal 6.6% al 6.1%. Al sito di Sunnyvale serve una marcia in più. E i video potrebbero far ingranare la quinta a Yahoo!.

Yahoo! prova un'attrazione fatale per i video online
Yahoo! prova un’attrazione fatale per i video online
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore