Yahoo patteggia con i dissidenti cinesi

Autorità e normativeNormativa

Verranno pagati risarcimenti ai familiari di due giornalisti cinesi condannati a dieci anni di carcere

Yahoo, definita solo pochi giorni fa al Congresso “gigante tecnologico, ma pigmeo morale “, per via dell’aiuto elargito al governo cinese per rintracciare due cyber-dissidenti,

patteggia: verranno pagat i risarcimenti ai familiari di due giornalisti cinesi condannati a dieci anni di carcere.

Yahoo ha preferito stringere un accordo extra-giudiziario con le famiglie dei dissidenti cinesi Shi Tao e Wang Xiaoning e di fornire supporto finanziario, umanitario e legale ai familiari dei due giornalisti.

La causa era stata intentata dall’Organizzazione Mondiale per i diritti Umani. Proprio all’Igf di Rio de Janeiro si sta discutendo di censura,cyber-repressione e di Carta universale dei diritti online.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore