Yahoo! ristruttura

AziendeMarketing

Yahoo! taglia il 5% della forza lavoro: a rischio da 600 a 650 posti. La strategia del Ceo Carol Bartz

Come ITespresso.it aveva predetto, è in corso un nuovo giro di ristrutturazione in casa Yahoo!. Yahoo! taglia il 5% della forza lavoro: a rischio sono da 600 a 650 lavoratori. Il Ceo Carol Bartz vuole ridurre i costi e riposizionare l’azienda in mercati a più veloce crescita. Questo round di licenziamenti è il più cospicuo da 18 mesi; Yahoo! non dichiarava tanti esuberi dall’arrivo del nuovo Ceo.

Yahoo! taglierà posti di lavoro nel gruppo prodotti, nello sforzo di rifocalizzare lo sviluppo in nuovi mercati a maggiore potenziale di crescita. Anche se Yahoo! ha investito presto nel mobile, è stata superata da Google con la strategia Android. Infatti Android traina l’intero ecosistema mobile di Google nel mobile.
Infine Yahoo! non ha saputo capitalizzare il boom nel social networking. Dopo l’accordo con Microsoft che ha portato Bing su Yahoo!, il Ceo Catol Bartz vuole riposizionare Yahoo! nel mondo dei contenuti generati dagli utenti.
Ad ottobre Google aveva il 66.3% delle quote di mercato delle ricerche online Usa, in lieve crescita dello 0,2%. Bing deteneva l’11.5% con un incremento dello 0,3%, mentre Yahoo! era in calo dello 0.2% al 15.6% . Yahoo ha lanciato una nuova piattaforma, Yahoo! Contributor Network, per consentire a più di 400mila tra aspiranti scrittori, fotografi amatoriali, registi indipendenti di gestire e smistare contenuti freelance, generati dagli utenti. Yahoo! ha acquisito Associated Content e scommette sui contenuti Ugc per fare traffico.

Carol Bartz di Yahoo!
Carol Bartz di Yahoo!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore