Trimestrali, Yahoo! ringrazia Alibaba, ma non ancora il Ceo Marissa Mayer

AziendeMarketingMercati e Finanza
Yahoo! acquisisce RayV, startup dedicata al video streaming
0 0 Non ci sono commenti

La trimestrale di Yahoo! si potrebbe riassumere così: bene Alibaba, male il Ceo Marissa Mayer. La parola alle società d’analisi

Nel 2005 il co-fondatore ed ex Ceo Jerry Yang di Yahoo! pagava un miliardo di dollari per aggiudicarsi il 40% del portale cinese di e-comerce Alibaba: dopo essere scesa al 24%, incassando 6.3 miliardi di dollari in contanti e 800 milioni in azioni privilegiate, in attesa dell’IPO miliardaria, oggi possiamo dire a ragion veduta che Alibaba fu uno dei migliori affari ai tempi di Yahoo!. Alibaba è la principale ragione alla base del raddoppio del valore del titolo di Yahoo!.

Invece la stella del Ceo Marissa Mayer sembra volgere al tramonto: dopo aver acquisito 30 aziende, Facebook ha spodestato Yahoo al secondo posto nel  digital advertising negli Usa; il fatturato del digital ad di Yahoo negli Stati Uniti è crollato dal 6.8% del 2012 al 5.8% di market share nel 2013; i ricavi globali derivanti dal digital adversting sono scesi dal 3.37% al 2.87% nel 2013; la quota di fatturato di Yahoo nel search advertising è in flessione dal 6.6% al 6.1%. Per fortuna, Yahoo! ha guadagnato 348.2 milioni di dollari, in crescita rispetto a 272.3 milioni di dollari (pari a 46 centesimi per azione). Le vendite nette sono scese da 1.22 a 1.2 miliardi di dollari. Yahoo! ha archiviato l’intero anno con fatturato in declino dello 0,9% da 4.47 a 4.43 miliardi di dollari.

Queste percentuali inchiodano il Ceo Marissa Mayer alle sue responsabilità. BGC Partners ritiene che il core business sia in declino. La cacciata di Chief Operating Officer Henrique de Castro (ex di Google) dimostra le difficoltà di Yahoo! nel resuscitare il business pubblicitario e nel riportare il portale sulla strada della crescita. Mentre Google, Facebook e Twitter registrano incrementi vistosi, il calo di Yahoo! non passa inosservato. Nel 2013 Yahoo! ha ricomprato azioni proprie del valore di 3.3 miliardi di dollari.

Da quando Mayer si è infilata l’elmetto da Ceo nel 2012, deve solo ringraziare le performance di Alibaba, quell’acquisizione di Jerry Yang: il fatturato di Alibaba si è impennato del 51% anno su anno a quota 1.776 miliardi di dollari. Ma anche Alibaba delude, visto che la crescita rallenta, passata dal 71% nel primo trimestre al 61% nel secondo trimestre fino al 51% attuale.

Mayer è convinta che il fatturato tornerà a crescere nel 2014, grazie alle acquisizioni-chiave, a partire da Tumblr (pagata 1,1 miliardi di dollari) e al lancio di apps mobili come Yahoo News Digest. eMarketer ritiene che l’uso sia in aumento, e che le semplificazioni fatte per gli inserzionisti siano positive. Rimane il fatto che, come riporta la società d’analisi B. Riley & Co., a Yahoo! guidata da Mayer serve tempo per crescere: tuttavia se Mayer può permettersi il lusso del tempo è grazie all’acquisizione del 2005 di una fetta di Alibaba, dell’ex Ceo Yang.

La trimestrale di Yahoo!: bene Alibaba, male il Ceo Marissa Mayer
La trimestrale di Yahoo!: bene Alibaba, male il Ceo Marissa Mayer
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore