Yoga Tablet 10, Lenovo reinterpreta il tablet con originalità

MobilityWorkspace
Gartner: Mercato smartphone, tablet e Pc in crescita del 6.9%
1 0 Non ci sono commenti

TEST e SLIDESHOW – Lenovo con Yoga Tablet 10 propone una soluzione con un form factor originale e ergonomico, e con un’ottima autonomia a un prezzo inferiore ai 300 euro. Yoga Tablet 10 con la tastiera può essere una buona soluzione per il computing di base in mobilità

Lenovo Yoga Tablet 10 è un tablet basato su Android 4.2.2 JellyBean facilmente distinguibile dalle proposte attualmente sul mercato proprio per il suo design. Yoga Tablet 10, infatti, si presenta non come una semplice tavoletta, ma con un evidente profilo a cilindro lungo uno dei due lati maggiori. Consente un’impugnatura salda e comoda, inoltre contiene la batteria, in prossimità a uno dei due spigoli la fotocamera, e invece al centro lo sblocco di una linguetta metallica di sostegno permette a Yoga Tablet 10 di assumere diverse posizioni: appoggiato alla scrivania, come display, oppure quasi sdraiato su un tavolo – ma leggermente rialzato – in modo da favorire la digitazione. Sul profilo della base cilindrica è posizionato anche un ambio pulsante di accensione (soluzione simile è adottata da alcuni notebook Sony Vaio)  ed è questo il punto di maggior spessore del tablet, circa 2 cm, mentre la tavoletta di suo ha uno spessore tra i 3 e i 7 mm a seconda della zona in cui si procede con la misurazione.

Lenovo Yoga Tablet 10 (4)
Lenovo Yoga Tablet 10 si presenta con un form factor originale che permette di posizionarlo ben appoggiato su una superficie piana, la base – che contiene anche la batteria – consente anche un’ottima presa

E’ da notare come sia possibile eventualmente variare l’inclinazione di Yoga Tablet 10 tra diverse posizioni. Nell’utilizzo di tutti i giorni ci sembra che la proposta sia molto comoda. Il cilindro sbilancia il peso dell’oggetto verso la mano che lo impugna e in questa posizione gli oltre 600 grammi del tablet sembrano quasi pesare meno. Il peso – si badi – è solo in parte dovuto alla scelta dei materiali. Yoga Tablet 10 si presenta con una scocca in parte di alluminio, in parte di policarbonato, ma sembra proprio che sia la batteria a contribuire a raggiungere i 600 grammi di peso.

Lenovo Yoga Tablet 10 (5)
La tastiera Bluetooth per Yoga Tablet 10, acquistabile a parte, per circa 100 euro, è comoda e funzionale anche come cover. Da migliorare però il connettore dell’alimentazione.

 

Si tratta di un accumulatore cilindrico con capacità da 9000 mAh per un’effettiva autonomia con Wifi attivato ben superiore alle 12 ore. Il produttore ne dichiara fino a 18. Il nostro utilizzo ci ha consentito di arrivare a un utilizzo attivo misto, intorno alle 15 ore, senza sfruttare mai il Gps. E’ comunque un risultato notevole e uno dei punti di forza.

Noi proviamo Yoga Tablet 10 nella versione senza connettività 3G (non LTE), che è comunque disponibile, anche sul mercato italiano. Proviamo Yoga Tablet con la tastiera Bluetooth proposta da Lenovo come naturale complemento. Si tratta di una basetta in semplice plastica, con i tasti a isola, e un piccolo touchpad. Per funzionare non ha bisogno di essere agganciata al corpo del tablet. E’ leggera, ma insieme a tablet e a una custodia, il peso del device arriverà intorno agli 800 grammi. Tenetene conto.La tastiera può essere fatta slittare sul display fino a coprirlo tutto, per proteggerlo.

Il fissaggio come protezione, però, non è particolarmente saldo. Si poteva ingegnerizzare meglio. Mentre non abbiamo particolari note sull’ergonomia della tastiera che ci sembra notevole e certo migliore, per esempio, di quella delle cover per il Surface, non ci è proprio piaciuto il connettore per la sua alimentazione, con tre lamelle, sì protetto da un coperchietto, ma di non immediato aggancio e indubbiamente da migliorare se non addirittura da sostituire. In questo caso invece si sarebbero dovute davvero imitare le soluzioni dei concorrenti.

Lenovo Yoga Tablet 10, specifiche tecniche

Il nostro tablet funziona con un processore MediaTek 8125/8389 quad-core, si tratta di un Cortex A7 a 1,2 GHz che insieme a 1 Gbyte di Ram e a 16 Gbyte di storage integrato permette il buon funzionamento di Android 4.2 JellyBean. La Cpu è un quad-core a basso voltaggio, questo permette la lunga durata della batteria, ma allo stesso tempo limita un poco le prestazioni, vedremo il risultato dei test.

La memoria può essere espansa tramite schedine microSD che vanno collocate appena sotto la linguetta che serve di sostegno. A fianco di questo comparto sembra essere stato disegnato anche quello per la connettività 3G/LTE comunque non presente sul nostro Yoga Tablet 10. Come porte di espansione è presente solo una microUsb, niente collegamenti esterni microHdmi. Il connettore minijack prevede il collegamento per le cuffie e il microfono, il microfono è previsto anche esterno.

Una nota deve essere dedicata al display: ha una risoluzione di 1.280×800 pixel a 160 dpi. Oramai siamo inesorabilmente abituati a risoluzioni superiori. A prima vista l’occhio attento noterà subito la differenza su questa proposta di Lenovo e i prodotti di fascia (e prezzo superiori). Anche la scelta di un display di questo tipo, che è di buona qualità, ma non stupisce, è in funzione del prezzo finale della proposta che senza accessori (solo tablet, quindi) costa 280 euro. Ottimo il rapporto qualità prezzo complessivo, se si considera che per circa 90 euro in più si acquista anche la tastiera e a questo punto si ha a diposizione un sistema completo.

La fotocamera, incastonata nel cilindro ha un sensore da 5 megapixel, quella frontale invece ha una risoluzione da 1,6 megapixel. Prestazioni nella media. Per quanto riguarda l’audio, sono evidenti le fessure per i due diffusori frontali, anche questi posizionati ai bordi dell’ingrossamento cilindrico. Riportiamo infine che Lenovo Yoga Tablet è dotato sia di bussola elettronica, sia di accelerometro, sia di ricevitore Gps, sia di sensore di luminosità ambientale.

Lenovo Yoga Tablet 10

Image 1 of 10

Yoga Tablet 10, tablet e tastiera

Lenovo Yoga Tablet 10, software, prestazioni e giudizio

Yoga Tablet 10 si presenta con una dotazione software di base che mostra l’originalità di aver portato in prima linea tutte le applicazioni, proprio in una delle schermate disponibili agli utenti, senza dover avviare alcun menu o premere alcunché. Spiccano ben due browser per i file (file manager), il software di protezione Norton Mobile Security, due browser (uno di questi è Chrome), due applicativi per la lettura di libri. Uno è quello di default di Android Play Books, l’altro è proposto da Lenovo previa registrazione, Txtr ebooks. Il resto della dotazione non supera i limiti della consuetudine per questi device.

Dal punto di vista delle prestazioni non si può rimanere impressionati se si cerca un tablet votato al gioco. I test 3D FutureMark si sono fermati a 2941 nei test Ice Storm, 1520 con Ice Storm Extreme, 2568 con Ice Storm Unlimited, leggermente al di sotto delle prestazioni medie registrate in Rete. I benchmark AnTuTu invece con 12718 punti posizionano Yoga Tablet 10 nella fascia di prodotti confrontabili che ospita anche Google Nexus 4. I punti di forza di questo tablet vanno ricercati, invece, nell’autonomia complessiva sopra la media, nel rapporto qualità prezzo per un tablet con queste caratteristiche. Il produttore è stato attento a fornire un tablet robusto, ben accessoriato, senza puntare a caratteristiche da top di gamma in nessun comparto.

Il display ha una risoluzione buona, ma non eccelsa, la luminosità massima è nella norma, ma in pieno sole la lettura di libri non sarà il massimo, anche la fotocamera di suo offre l’essenziale, ma non si distingue. Invece ci sentiamo di promuovere a pieni voti proprio lo studio del form factor, tantopiù perché proposto in questa fascia di prezzo. L’abbinata tablet tastiera è comodissima e il device prevede una diversa combinazione di effetti visivi e audio a seconda della posizione in cui lo si utilizza. La linguetta di appoggio, robusta, in alluminio, che permette al tablet di assumere diverse posizioni, rende decisamente piacevoli tante situazioni d’uso altrimenti sacrificate.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore