A Matera la prima antenna 5G sul territorio

Autorità e normativeBanda LargaGovernanceNetwork
Cinque città italiane testano il 5G

TIM, Fastweb e Huawei hanno acceso a Matera la prima antenna 5G sul territorio nell’ambito del progetto per il piano di copertura di Bari e Matera

BariMatera5G è il progetto con cui TIM, Fastweb e Huawei si sono aggiudicate il bando di gara del MISE per la sperimentazione della nuova tecnologia 5G nelle due città. In gioco c’è un investimento di oltre 60 milioni di euro in 4 anni, con l’obiettivo di portare la nuova connettività a Bari e Matera che saranno quindi fra le prime “città 5G” d’Europa, città in cui sperimentare servizi innovativi in settori come la sanità, l’industria 4.0, il turismo, la cultura, l’automotive e la sicurezza pubblica.

Oltre alle tre aziende citate il progetto coinvolge altri 52 partner di eccellenza, tra cui 7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni.

Ora il progetto è definitivamente uscito dai laboratori, e in anticipo rispetto alle tempistiche dichiarate al lancio per cui la tappa si sarebbe raggiunta a fine marzo, ecco che TIM, Fastweb e Huawei, hanno acceso a Matera, in via Carlo Levi, la prima antenna 5G del territorio. 

Nello specifico la connessione dati 5G è stata realizzata attraverso l’uso della banda di frequenze 3.7-3.8 GHz messe a disposizione dal MISE e rappresenta la prima installazione del piano di sviluppo rete del Progetto, che prevede di raggiungere, entro il 2018, il 75 percento di copertura dell’area di sperimentazione delle due città.

BariMatera 5G – Il progetto in numeri

A Matera è stato installato un apparato radio dotato di tecnologia Massive-MIMO, ovvero un’antenna capace di gestire contemporaneamente decine di segnali radio in entrata e in uscita, in grado di adattarsi dinamicamente alla posizione dei singoli utenti e alla domanda di traffico. L’antenna realizzata da Huawei garantisce le caratteristiche ottimali per lo sviluppo di applicazioni avanzate 5G.  

Nel corso dei test in laboratorio a gennaio 2018 si era raggiunta la velocità record di 3 Gigabit al secondo e ridottissimi tempi di latenza radio dell’ordine di due millisecondi, un risultato che si è confermato anche sul campo.

La rete 5G realizzata a Bari e Matera consentirà una capacità trasmissiva 10 volte superiore a quella del 4G e la sperimentazione metterà in campo oltre 70 use case, determinando una radicale trasformazione dei territori coinvolti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore