Al mercato europeo piacciono molto gli smartphone cinesi

MobilitySmartphone

Il mercato europeo degli smartphone è in crisi, ma i device di Huawei e Xiaomi marcano risultati più che positivi. I primi cinque vendor fanno quasi l’80 percento del mercato

I dati di Canalys relativi al mercato smartphone offrono una serie di indizi importanti. Prima di tutto Canalys conferma come il mercato europeo stia arrancando, con un calo in volumi del 6,3 percento rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, ma soprattutto il più grave in un unico trimestre da quando esistono gli smartphone.

Addirittura i Paesi dell’Europa occidentale vedono il mercato perdere quasi il 14 percento (per complessive 30 milioni di unità consegnate), Invece l’Europa Centrale e quella dell’Est, mercati indubbiamente molto più piccoli, continuano a crescere (fino a +12,3 percento).

Quello dell’Europa Occidentale è un mercato del tutto saturo. E comunque complessivamente è abbastanza indicativo come i diversi vendor abbiano fatto registrare risultati molto diversi.

Canalys – Il mercato smartphone Q1 2018

Samsung, primo vendor, ha perso il 15 percento anno su anno, e tuttavia è riuscita a indovinare tempi e modi dell’operazione di aumento dell’ASP (Average Selling Price) incrementando il valore delle sue spedizioni di circa il 20 percento, proprio anticipando l’uscita di Galaxy S9 a febbraio e il relativo prezzo.

In casa Apple, iPhone X è vero che è stato lo smartphone più venduto in assoluto, ma non è bastato questo a fermare un declino di circa il 5,4 percento, e comunque ha venduto meno rispetto all’ultimo trimestre del 2017. Nel corso dell’anno tuttavia vedremo come l’ampliamento del portafoglio di smartphone contribuirà per Apple a macinare risultati positivi.

Un aspetto invece veramente di cui tenere conto è la crescita disinvolta di tutto il mercato degli smartphone cinesi. Huawei in Europa ha fatto registrare una crescita del 38,6 percento, tuttavia nel primo trimestre 2018 ancora non erano entrati in “circolo” grandi volumi dei modelli premium Huawei P20 e Huawei P20 Pro, quindi con poca crescita a valore nelle sue spedizioni.

Ottimi i risultati anche di Xiaomi e pure di Nokia, marchio ora di HMD Global. Risultati che premiano la strategia di offrire prima di tutto una versione “pulita” di Android e hanno consentito ai due vendor di occupare il quarto e quinto posto nella classifica europea. Questo ha anche significato però una riduzione di market share significativa per gli altri competitor minori.  Sappiamo bene come Xiaomi si sia preparata per tempo per sbarcare nel nostro mercato, a giorni. 

Canalys – I trend importanti nel mercato smartphone

Al mercato europeo maturo piacciono gli smartphone flagship, e anche i vendor minori hanno scalato le specifiche in questo senso, intanto sembra finalmente prendere piede anche il mercato degli smartphone dual-sim, meno ostacolati, rispetto al passato dagli operatori. E comunque anche in questo ambito bene hanno lavorato proprio Huawei e Wiko tra gli altri, così come si può notare anche il cambio di strategia di Samsung proprio a partire dall’offerta Galaxy S9 Plus dual-sim anche nei nostri mercati. 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore