Apple iAd e guerra a Flash nel mirino Antitrust

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa

Sotto la lente dell’Antitrust Usa potrebbe esserci anche la piattaforma di advertising mobile Apple iAd, oltre al comportamento anti concorrenziale contrro Adobe Flash. La storia Antitrust di Apple

Non è solo la guerra a Adobe Flash a far venire i capelli bianchi a Steve Jobs. Nel mirino dell’Antitrust Usa potrebbe esserci anche la piattaforma di advertising mobile Apple iAd, i cui prezzi sembrano esorbitanti (degni del SuperBowl americano) e fuori mercato: si parla di cifre fra 1 e i 10 milioni di dollari. Lo riporta il Wall Street Journal. iAd è frutto dell’acquisizione di Quattro Wireless. Secondo Ftc, a suscitare l’interessamento Antitrust potrebbero essere clausole contro diffusione di dati a terzi, senza l’ok di Apple.

Di recente Apple ha sfoderato iAd, la nuova piattaforma di pubblicità mobile che introdurrà pubblicità nelle applicazioni mobili. Una mossa contro Google e contro la sua acquisizione di AdMob (già sotto indagine Antitrust).

Poiché l’utente medio spende circa 30 minuti al giorno dentro a un’applicazione, Jobs prevece una pubblicità ogni tre minuti porterà 1 miliardo di impression al giorno sui 100 milioni di dispositivi Apple in circolazione.

Apple iAd mette gli spot nelle Web Apps
Apple iAd mette gli spot nelle Web Apps

Read also :
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore