Canon presenta Eos 2000D e 4000D, sono le eredi di Eos 1300D

Workspace

Canon Eos 1300D è stata campione di vendite, ma uscirà nei prossimi mesi dal mercato per lasciare spazio alle eredi Eos 2000D e Eos 4000D. Il vendor giapponese tenta così di replicarne (per due) il successo

Sono fotocamere reflex molto compatte, semplici da utilizzare, per il portafoglio di tutti le nuove Eos 2000D e 4000 D di Canon, che con esse intende nei prossimi mesi far uscire dal mercato uno dei modelli di maggior successo di questi anni: Canon Eos 1300D (una reflex su tre venduta nel 2017 era questo modello). Ecco così che è stato deciso lo split in due modelli, uno di fascia un po’ più alta (Eos 2000D) e uno di fascia “quasi” equivalente alla proposta Eos 1300D. 

Si tratta di fotocamere dotate di un’ampia gamma di funzioni pratiche e intuitive, per soddisfare le esigenze di coloro che non si accontentano più dello smartphone ma desiderano raccontare le proprie storie, poterle condividere e avvicinarsi al mondo della fotografia con la possibilità di realizzare filmati Full HD di qualità.

Canon Eos 2000D – Il dorso
Ecco allora per la condivsione la connettività Wi-Fi guidata e integrata alle funzioni di utilizzo della macchina per connettersi ai dispositivi mobile tramite l’app Canon Camera Connect (iOS e Android); ecco allora la combinazione del sensore CMOS nel formato APS-C, con il processore Digic 4+.
Addirittura Eos 2000D grazie al supporto NFC (Near Field Communication) permette di stabilire una connessione Wi-Fi con lo smartphone semplicemente mettendo il dispositivo a contatto con la fotocamera (ma non per iOS).  

Per la fotocamera di fascia un po’ più alta (Eos 2000D) si tratta di un sensore da 24,1 megapixel, invece la 4000D sfrutta un sensore da 18 megapixel, mentre per la possibilità di ottimi scatti in notturna si potrà sfruttare la sensibilità ISO 6400, espandibile fino a ISO 12800. E per non perdere neanche un momento Canon offre su entrambi i modelli la modalità Scene Intelligent Auto per ritrovarsi fotografie ottimizzate automaticamente. 

Canon Eos 2000D – Profilo
Chi sceglie una reflex oggi lo fa anche per avere il miglior confort visivo in fase di inquadratura, possibile solo grazie a una lente, e non con il mirino elettronico. Il mondo, su questo punto, si divide ancora in due, tra chi già oggi predilige la possibilità di guardare in un mirino elettronico praticamente l’effetto reale sulla foto dei propri settaggi sulla macchina e chi invece vuole semplicemente avere di fronte l’immagine reale.

Ovviamente queste reflex assecondano quest’ultimo partito e mettono a disposizione nove punti di messa a fuoco automatica e lo scatto continuo a tre fotogrammi al secondo. Specifiche, se si vuole, basilari, ma già buone per chi vuole capire “come si fa” abbracciando questo mondo senza lasciarsi distrarre. Per aiutare questo pubblico Canon offre su entrambe le proposte una guida interna alle funzioni, perfetta per chi desidera migliorare le proprie capacità di storytelling.

Canon Eos 4000D
Inoltre le fotocamere offrono già le impostazioni di scatto classiche utilizzate dai professionisti oltre alle modalità automatiche base e una serie di filtri creativi, che permettono di sperimentare i controlli manuali della fotocamera e di raccontare le proprie storie con una certa libertà artistica. Chi è alla ricerca curiosa di altre possibilità può scoprire trucchi e suggerimenti attraverso l’app Canon Photo Companion.

Le foto  infine si potranno salvare a piacere su Irista, il servizio di archiviazione in cloud, per le foto, offerto da Canon
Discrete le notizie per quanto riguarda la durata della batteria che permette su entrambi i modelli di scattare fino a 500 foto o filmare in HD oltre un’ora di filmati (un’ora e mezza su Eos 2000D e un’ora e un quarto su Eos 4000D). 

Le fotocamere saranno disponibili per l’acquisto dal mese di aprile 2018 nella versione solo corpo macchina o in kit: Eos 2000D con obiettivo EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 IS II costerà 529,99 euro ed Eos 4000D con obiettivo EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 III costerà circa 419,99 euro. La differenza di prezzo delle due proposte, durante il nostro primo contatto con i modelli non definitivi ci ha porta decisamente a consigliare il modello migliore.

E’ un peccato, a nostro avviso, abbastanza grave, aver deciso di rinunciare all’attacco degli obiettivi in acciaio (preferendo la plastica) per il modello Eos 4000D, che su alcuni dati di targa resta inferiore alla proposta originaria Eos 1300D. Tutte le fotocamere montano gli obiettivi delle serie EF ed EF-S.

Alleghiamo i dati di targa ufficiali come comunicati dal vendor all’annuncio. 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore