CFO Summit: l’innovazione tecnologia preme su un modello di business adeguato

Oltre l metà dei CFO in Italia crede che la propria azienda debba rinnovare il proprio modello di business. L’accelerazione di una trasformazione digitale, che sta influenzando le dinamiche del business, pone i dipartimenti finanziari delle aziende di fronte a un momento di cambiamento.

Per comprendere a fondo le nuove dinamiche legate alla funzione dei direttori delle aree di Amministrazione Finanza e Controllo d’impresa, Business International, divisione di Fiera Milano Media – Gruppo Fiera Milano, in occasione della diciottesima edizione del CFO Summit, ha presentato i risultati della ricerca “The future of CFO in the Enterprise 4.0 era”. L’annuale report che, sviluppato quest’anno in collaborazione con Luciano Olivotto, già Professore Ordinario di Economia Aziendale, Professore a contratto dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha cercato di definire le caratteristiche di un ambiente sfidante, in cui le competenze tipiche del passato, come quelle amministrative, finanziarie, di controllo e fiscali, non sono più sufficienti, ma richiedono un aggiornamento costante e orientato a nuovi modelli di business digitale.

Cosa è emerso dalla ricerca?

Basandosi sulle interviste realizzate su un campione di 100 CFO italiani ad aprile 2019, quindi, lo studio ha delineato una visione globale di business che si sposta verso una gestione finanziaria dove la digitalizzazione favorisce l’automazione e permette ai professionisti di concentrarsi su compiti più importanti, agevolando un loro maggiore dialogo con il CEO al fine di essere coinvolti in tutte le discussioni aziendali. In questo contesto, scorrendo le evidenze dell’analisi, si nota come l’adeguatezza del modello di business sia un punto centrale con il quale tutte le funzioni aziendali oggi devono confrontarsi di fronte alle pressioni dell’innovazione tecnologica. Le risposte ottenute segnalano, infatti, che il 41% delle imprese ritiene adeguato il proprio modello di business rispetto al 51% che lo considera solo parzialmente al passo con i tempi e all’8%, che invece non è per niente soddisfatto della situazione attuale della propria realtà sotto questo profilo.

CFO Survey

Data Driven Economy è in arrivo

Proseguendo, poi, con la lettura dello studio, si comprende anche che i CFO 4.0 hanno una consapevolezza sempre maggiore nel considerare il proprio ruolo come cruciale in questa quarta rivoluzione industriale, ma sentono di dover ancora sviluppare a pieno alcune skill fondamentali come quella di saper essere facilitatori del cambiamento (39%), leader del processo di evoluzione (26%) e produttori di smart data di supporto alla trasformazione (23%). Dai dati del rapporto, inoltre, emerge anche come i responsabili dell’area AFC considerino se stessi quali efficaci gestori di relazioni interne ed esterne, con un’autorevolezza fondata soprattutto sulle proprie abilità di costruire alternativi scenari di business per investimenti innovativi. Un asset, questo, che ovviamente avvicina sempre di più il mondo del finance a quello dell’IT e delle Analytics.

Le tre mosse per il CFO del futuro

In questo senso, per altro, possiamo notare anche come le linee di intervento previste per il cambiamento in azienda, secondo i CFO, si polarizzino sostanzialmente su tre punti: la ricerca di innovazione, attraverso partnership con start-up (9%), reclutamento di nuovi talenti (16%) o investimenti in tecnologia e digitalizzazione (20%); un più diretto coinvolgimento sulle tematiche core (16%); il reperimento di risorse finanziarie alternative all’ambito bancario (5%) e l’investimento nel rafforzare il proprio modello di business rendendolo sempre più sostenibile (6%); un continuo sforzo per migliorare i processi di raccolta e di elaborazione dei dati al fine di rendere sempre più affidabili i processi di analisi strategica e consentire le previsioni di sviluppo del business model o gli scenari strategici di cambiamento e innovazione (20%).

Un insieme di elementi che trovano il loro principale obiettivo in quell’esigenza di “agilità strategica” che diventa fondamentale per reagire all’inadeguatezza del modello di business e orientarsi verso nuovi prodotti, servizi, mercati e alleanze. Si rende così necessario sviluppare un approccio di confronto costruttivo ai “fallimenti”, nel quale la gestione dei dati consente di affrontare situazioni anche non note in partenza, ma rese visibili grazie a continui processi adattivi sui possibili futuri scenari. Nonostante questo, però, ciò che si può osservare dall’analisi è che se da una parte la tendenza a guardare al futuro si stia ampliando, con la maggior parte degli intervistati (51%) che pone la propria attenzione in maniera eguale sia sui compiti tradizionali, legati ancora ad attività di controllo e gestione dell’ambito finanziario, sia sulle nuove attività analitiche e strategiche, dall’altra invece rimane innegabile come ci sia ancora un significativo numero di professionisti del settore (35%) che si interessa a queste nuove mansioni “data-driven” solo nel 20% del proprio tempo lavorativo.

Sostenibilità

Arrivando al tema della sostenibilità, i dati mostrano come in Italia, da una parte, ci siano imprese che lo considerano un elemento ancora di carattere marginale o legato a esigenze di compliance (35%), mentre, dall’altra, ci sono già numerose realtà che lo ritengono un fattore culturale (38%). Nonostante questo, però, la ricerca evidenzia anche come ci sia ancora un corposo numero di realtà (19%) che considera ancora molto poco questi temi su cui nel prossimo periodo sarà importante lavorare e impegnarsi per consentire un migliore approccio manageriale e imprenditoriale sotto questo profilo anche nel nostro Paese.

Stefano Belviolandi @Stefano_Belviol

Giornalista professionista dal 2000. Da 15 anni, Stefano si occupa di giornalismo Ict maturando competenze anche nel consumer electronics. Stefano ha iniziato la sua esperienza giornalistica nel 1996 presso la redazione economica di ItaliaOggi.

Recent Posts

GE Healthcare e Indi Molecular: passi avanti sui trattamenti con terapie immunoncologiche

GE Healthcare e Indi Molecular hanno annunciato una collaborazione per lo sviluppo di traccianti per tomografia ad emissione di positroni…

1 giorno ago

Marzocchi Pompe: l’officina incontra la tecnologia di precisione

Con un fatturato 2018 di 42,7 milioni di euro, in crescita dell’10,6% rispetto all’anno precedente, oggi la Marzocchi Pompe impiega…

2 giorni ago

PERSEO: ecco il prototipo di giacca per proteggere gli astronauti dalle radiazioni

Si è concluso il 12 giugno il progetto PERSEO - PErsonal Radiation Shielding for intErplanetary missiOns – coordinato dall’Università di…

3 giorni ago

Moneyfarm apre le sue attività anche al mercato tedesco, dopo Italia e Regno Unito

Come in Italia e nel Regno Unito, Moneyfarm propone in Germania un modello di servizio ibrido che garantisce a ogni…

6 giorni ago

HR, i responsabili sono sempre più cruciali ai fini della trasformazione

Per comprendere come sta cambiando il ruolo del direttore del personale nelle nuove realtà imprenditoriali 4.0, Business International darà vita…

6 giorni ago

Forcepoint X-Labs: esplorare i pregiudizi nella sicurezza informatica con intuizioni dalla scienza cognitiva

Scritto dalla psicologa Margaret Cunningham, il whitepaper esamina sei pregiudizi umani universali inconsci ed esplora come una più profonda comprensione…

1 settimana ago