Commissione Europea: proposte per le norme multilaterali sull’e-commerce

Autorità e normativeNormativa
La Corte di Giustizia UE fa chiarezza su IVA e e-book

La Commissione Europea ha presentato alcune proposte in merito alla futura stesura di norme multilaterali che regolamentino il commercio elettronico: divieto permanente di dazi doganali sulle trasmissioni elettroniche, per esempio

Validità dei contratti elettronici e delle firme elettroniche; misure per contrastare lo spam e gli ostacoli che impediscono le vendite transfrontaliere; divieto permanente di dazi doganali sulle trasmissioni elettroniche. Queste le proposte, riprese da Radiocor, della Commissione europea per le future norme internazionali sul commercio elettronico, settore per il quale non esistono norme multilaterali.

Lo scorso gennaio 2019, un gruppo di 76 membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc), compresa l’Unione Europea, ha deciso di avviare negoziati che dovrebbero dar luogo a un quadro giuridico multilaterale su cui i consumatori e le imprese potrebbero fare affidamento per rendere facile e sicuro l’acquisto, vendere e fare affari online. La proposta europea sarà discussa insieme alle proposte di altri membri dell’Omc durante le riunioni di maggio a Ginevra.

Commissione Europea
Commissione Europea

Dato che non esistono norme multilaterali che regolino il commercio elettronico, imprese e consumatori devono basarsi su un mosaico di regole concordate da alcuni Paesi nei loro accordi commerciali bilaterali o regionali. Oltre a garantire la validità dei contratti elettronici e delle firme elettroniche e ad adottare misure per combattere efficacemente lo spam, la Commissione indica che è necessario superare le barriere che impediscono attualmente le vendite transfrontaliere affrontando la questione dei requisiti di localizzazione dei dati garantendo la protezione dei dati personali, vietando i requisiti obbligatori di divulgazione del codice della sorgente, il rispetto del principio di accesso aperto a Internet; aggiornando le attuali discipline Omc sui servizi di telecomunicazione per garantire che siano idonei a supportare l”ecosistema’ Internet su cui si fonda l’e-commerce; migliorando gli impegni di accesso al mercato nei servizi di telecomunicazione e informatici.

Read also :