Mobile OsMobilitySistemi OperativiWorkspace

WWDC 2018, tutte le novità di Apple su iOS 12, WatchOS 5, tvOS 12 e macOS Mojave

0 0

iPhone e iPad, Apple Watch, Apple TV e Mac. Tutte le novità software per ogni tipologia di dispositivo Apple presentate in occasione di WWDC 2018. Appuntamento in autunno per le versioni definitive

In occasione di WWDC 2018, la conferenza mondiale in cui Apple annuncia passi avanti e strategie software Apple ha presentato novità importanti sostanzialmente in quattro ambiti: il sistema operativo mobile, giunto alla versione 12, quindi iOS 12 che dovrebbe essere in grado di offrire dall’autunno esperienze di Augmented Reality condivise; Watch OS 5 che è il sistema operativo di Apple Watch, con nuove funzionalità per l’attività fisica e la comunicazione; Apple TV 4K con il nuovo sistema operativo tvOS 12e nell’ambito del computing classico l’anteprima del futuro sistema operativo macOS Mojave. Entriamo nei dettagli.

Apple iOS 12

iOS 12, disponibile per gli iPhone dalla versione 5s sarà prima di tutto più veloce e reattivo. Migliorati i tempi di reazione di attivazione della fotocamera più veloce all’avvio, e della tastiera, anche durante la digitazione, e pure l’avvio delle app, per cui anche con il device che esegue diversi carichi applicativi, le app si avviano fino a due volte più velocemente. Il piatto forte però arriva con ArKit 2 che permette di creare app con ARU più innovative.

Arrivano nuovi strumenti per integrare esperienze condivise, funzioni di realtà aumentata persistente e collegata a una determinata posizione, possibilità di rilevamento degli oggetti e di tracciamento delle immagini. Con un nuovo formato file aperto chiamato usdz e progettato in collaborazione con Pixar, la realtà aumentata arriva quasi ovunque su iOS, anche in app come Messaggi, Safari, Mail, File e News, portando grafica potente e funzioni di animazione. Siamo meno interessati invece alle nuove Animoji e alle Memoji che si possono creare direttamente da Messaggi con una serie di ulteriori estensioni.

Tim Cook (Apple): Non c'è ragione del panico a Wall Street
Tim Cook, CEO di Apple

 Per quanto riguarda Siri, le scorciatoie dell’assistente digitale Apple ora funzioneranno con tutte le app, e possono essere personalizzate tramite impostazione di un comando vocale, per esempio per dare il via a un’attività. 

Per quanto riguarda Foto, invece, verrà integrata una nuova sezione “Per te” per visualizzare in un unico posto i momenti preferiti, riunendo i Ricordi e gli Album condivisi di iCloud. Sarà più facile condividere foto con gli amici, e a chi le riceve potrà essere richiesto di condividere a sua volta le foto e i video dello stesso viaggio o evento.

I suggerimenti di ricerca fanno riemergere dalla libreria gli eventi, le persone, i luoghi, i gruppi, le categorie e le ricerche più rilevanti, e grazie a una nuova funzione è ora possibile combinare più termini di ricerca per trovare le foto giuste. Alcune di queste funzionalità sono già offerte dal competitor con Google Photo, a nostro avviso soluzione in questo ambito ineguagliata dai competitor diretti. 

Screen Time
Screen Time

Novità interessante, in parte sulla scia di un diverso atteggiamento percepito anche in occasione dell’evento Google, sono i nuovi strumenti integrati per aiutare gli utenti a controllare il tempo trascorso interagendo con i dispositivi iOS. Si parla di Activity Reports, App Limits e nuovi controlli per Non disturbare e Notifiche.

Rivista la modalità Non disturbare, per il periodo notturno con la riduzione della luminosità del display e nascondendo tutte le notifiche sulla schermata di blocco finché l’utente non chiede di visualizzarle al mattino. Inoltre, sono disponibili nuove opzioni per Non disturbare nel Centro di Controllo, da dove è possibile impostare la modalità perché si disattivi automaticamente a una certa ora o in un luogo specifico.

Per quanto riguarda le notifiche ecco che sarà possibile gestire le notifiche all’istante, disattivandole del tutto o scegliendo di inviarle direttamente in Centro Notifiche. Inoltre, Siri può offrire suggerimenti intelligenti per le impostazioni delle notifiche, consigliando per esempio di disattivarle o di disabilitare i suoni di avviso, in base al tipo di notifiche su cui si sta agendo. iOS 12 introduce anche la funzione Grouped Notifications, un modo più semplice per visualizzare e gestire più notifiche alla volta.

Più indicativo dello scopo di sensibilizzazione che si vuole raggiungere è Screen Time che fornisce informazioni utili sul tempo trascorso nelle app e sui siti web. Vengono creati Report Attività giornalieri e settimanali che mostrano il tempo totale trascorso in ogni singola app, il tempo dedicato alle varie categorie di app, il numero di notifiche ricevute e quanto spesso l’utente prende in mano il suo iPhone o iPad. Mentre la funzione App Limits permette di impostare il tempo massimo da dedicare a un’app quando il limite sta per scadere, l’utente vede una notifica.

WatchOS 5

Anche in questo ambito le funzionalità innovative si coniugano con il meglio già proposto da OS concorrenti. Arriva con WatchOS 5 la funzionalità che permette di di invitare altri utenti di Apple Watch a partecipare a sfide di Attività della durata di sette giorni, guadagnando punti quando chiudono gli anelli Attività e ricevendo notifiche per non perdere la motivazione e arrivare alla vittoria.

Funzioni simili per esempio sono già presenti nel sistema operativo FitBit. Si aggiungono gli allenamenti di Yoga e Hiking e per gli appassionati della corsa un nuovo sistema di misurazione della cadenza (passi al minuto) per le corse e le camminate outdoor e indoor, e un nuovo allarme nelle corse outdoor che avvisa gli utenti quando il ritmo è inferiore o superiore al valore che hanno scelto come target.

Apprezzata da sportivi e non sarà la funzione Walkie Talkie per mettersi in contatto al volo con amici e familiari. L’abbinamento tra orologio e orologio è veloce, personale e può essere attivato fra chiunque indossi un Apple Watch compatibile nel mondo, via Wi-Fi o tramite rete cellulare, ovviamente avviene sui server Apple.

WatchOS 5 - La nuova funzionalità Walkie Talkie
WatchOS 5 – La nuova funzionalità Walkie Talkie

Anche le funzionalità di Siri da Apple Watch sono state potenziate con più scorciatoie predittive e proattive basate su abitudini, luoghi e informazioni come il battito cardiaco dopo un allenamento, i tempi di percorrenza previsti da Mappe all’ora in cui l’utente esce dall’ufficio per tornare a casa o i risultati sportivi di una squadra preferita.

Per alcuni aspetti avveniristiche, rispetto alle possibilità di vederne la diffusione nel nostro Paese sono anche le funzionalità di identificazione possibili tramite Apple Watch. Per esempio, alzando il polso, gli studenti potranno accedere a luoghi come la biblioteca, i dormitori e gli eventi, oltre a pagare gli snack, la lavanderia e le cene all’interno del campus: è sufficiente aggiungere il proprio tesserino di identificazione a Wallet su Apple Watch.

Solo Statunitensi i casi di utilizzo reali: il programma infatti verrà lanciato con la Duke University, la University of Alabama e la University of Oklahoma questo autunno. La Johns Hopkins University, la Santa Clara University e la Temple University introdurranno questa funzionalità alla fine dell’anno.

Apple TV 4K e tvOS 12

Con tvOS 12, Apple TV 4K sarà l’unico streaming player certificato sia Dolby Vision sia Dolby Atmos e quindi in grado di offrire la spettacolare qualità cinematografica 4K HDR e un suono super avvolgente.  L’app Apple TV permette di cercare e guardare da un unico posto programmi TV e film da oltre 100 app video in 10 Paesi. Con tvOS 12, Apple semplifica ulteriormente il processo di autenticazione eliminando la procedura di accesso. Apple TV identifica la rete dell’utente e esegue in automatico il login per tutte le app supportate incluse nell’abbonamento, senza bisogno di digitare nulla.

Questa nuova funzione sarà introdotta con Charter alla fine di quest’anno e sarà poi estesa ad altri fornitori. E’ un accordo che non riguarda il nostro mercato: Charter Communications, il secondo operatore via cavo più grande degli Stati Uniti, offrirà Apple TV 4K ai propri clienti. Alla fine di quest’anno, circa 50 milioni di utenti avranno accesso ai canali live e a decine di centinaia di programmi on demand attraverso la nuova app Spectrum TV su Apple TV 4K, iPhone e iPad, perfettamente integrata con Siri e l’app Apple TV. Charter si aggiunge a DirecTV Now di AT&T negli Stati Uniti, Canal+ in Francia e Salt in Svizzera, che hanno già iniziato a offrire Apple TV 4K con i propri servizi.

Apple TV - Più funzionalità controllabili dai dispositivi iOS
Apple TV – Più funzionalità controllabili dai dispositivi iOS

La nuove funzionalità di tvOS 12 sulla nuova Apple TV 4K comprendono inoltre la possibilità di login direttamente da iOS 12, per cui la password viene inserita automaticamente e in modo sicuro da iPhone e iPad a Apple TV, e gli utenti possono accedere facilmente alle app di Apple TV.

Apple TV Remote è disponibile automaticamente nel Centro di Controllo su iPhone e iPad per tutti gli utenti di Apple TV, così si può accedere velocemente ai controlli di Apple TV. È anche possibile controllare Apple TV con sistemi di domotica quali Coltrol4, Crestron e Savant, o usando Siri per le ricerche vocali e i controlli.

macOS Mojave

E’ l’anteprima del prossimo sistema operativo Apple per i desktop e i laptop. Prima novità è Dark Mode, una nuova funzionalità dell’interfaccia per cui la Scrivania porta essa stessa in evidenza i contenuti dell’utente su cui sta lavorando. La nuova funzione Stacks organizza le Scrivanie più disordinate impilando automaticamente i file in gruppi ben ordinati. E si assiste a un primo tentativo di rendere fluido il passaggio tra l’esperienza con iPhone e i Mac con le app iOS più note, fra cui News, Borsa, Memo vocali e Casa, ora disponibili per la prima volta anche su Mac. 

Più in dettaglio, Dark Mode trasforma la Scrivania con uno schema colori più scuro, che mette in risalto i contenuti mentre i controlli restano in background. Si può passare da una Scrivania chiara a una scura, e le app integrate come Mail, Messaggi, Mappe, Calendario e Foto includono tutte design pensati per la nuova Dark Mode. macOS Mojave presenta una nuova Dynamic Desktop che varia in automatico l’immagine della Scrivania in base all’ora del giorno. Gli sviluppatori possono usare l’apposita API per implementare Dark Mode nelle loro app.

Apple Dark Mode

Per quanto riguarda la funzione Stacks. Essa permette di impilare automaticamente i file in gruppi ben ordinati basati sul tipo di documento. Gli utenti possono personalizzare le Stacks in base ad altri attributi dei file, per esempio la data o i tag. Anche il Finder è stato significativamente aggiornato in macOS Mojave con una nuova Gallery View che consente agli utenti di scorrere visivamente i file. Il pannello dell’anteprima mostra ora tutti i metadati di un documento, così è più facile gestire interi asset di contenuti.

Le azioni rapide consentono agli utenti di creare e proteggere tramite password un PDF oppure eseguire azioni Automator personalizzate sui file direttamente dal Finder. Visualizzazione rapida mostra rapidamente un’anteprima full-size dei documenti, così gli utenti potranno ruotare e ritagliare le immagini, annotare PDF e tagliare clip audio e video senza dover aprire l’app corrispondente.

Solo in alcuni ambiti, quello mobile di sicuro, le novità sono nel complesso davvero indicative di passi in avanti, quindi nella proposta AR per esempio. Apple ci ha già abituato alla sua strategia di centellinare i passi in avanti.
Nei comparti più maturi, tra cui di sicuro macOS i miglioramenti sono diretta espressione di potenzialità intrinseche già presenti nelle tecnologie software disponibili e opportunamente portati alla luce.